Untitled-1

Domaine Comte Abbatucci


La storia della famiglia Abbatucci è indissolubilmente legata a quella francese, anzi, corsa; tra i suoi esponenti ci furono generali della Rivoluzione Francese, diplomatici, ministri sotto il regno di Napoleone III. Contemporaneamente, però, non cessò mai nei secoli la grande passione di famiglia per il vino di qualità: negli anni '60, Antonie Abbatucci, successivamente Presidente della Camera dell'Agricoltura della Corsica, divenne consapevole che nella sua isola si rischiava di vedere scomparire usanze e tradizioni dei villaggi di montagna. Perciò decise di creare una riserva delle varietà endemiche della sua isola, diciotto vitigni autoctoni, un vero tesoro del patrimonio del vino corso; così nei terreni aziendali si conserva e si preserva la tipicità di uve come lo Sciacarello, il Nielluccio, il Vermentino, il Barbarossa, il Morescola, il Montanaccia, il Carcajolo Nero, solo per fare alcuni esempi. La coltivazione è condotta secondo i criteri della biodinamica, introdotti da Charles Abbatucci, figlio di Antoine, con l'intento di preservare l'ambiente circostante, rispettare uve e terroir e permettergli di esprimere al meglio la propria identità e personalità. La produzione aziendale spazia dai bianchi ai rossi, senza dimenticare i rosé e anche uno spumante, Empire Blanc Extra Brut: Faustine, nelle versioni Blanc, Rosé e Rouge, è perfetto per chi si avvicina per la prima volta ai vini della Corsica, e desideri farsi un'idea della qualità e della personalità di questi prodotti; non mancano gli uvaggi, realizzati con le antiche varietà locali, come Général Blanc e Ministre Rouge.