Untitled-1

Bollinger

La storia della Maison Bollinger

Ad Ay, uno dei paesi storici del cuore della regione francese della Champagne, si trova la Maison Bollinger, fondata nel 1829 da Athanase Louis Emmanuel conte di Villermont, che scelse di unirsi in società con il tedesco Joseph Bollinger e con l’appassionato di vino Paul Ranaudin. Nel corso degli anni, dopo essere riuscito a imporre con successo le proprie bollicine soprattutto nel mercato inglese e in quello statunitense, fu proprio Joseph Bollinger a divenire l’uomo-simbolo della Maison.

champagne bollinger Oggi universalmente riconosciuta per la grande qualità dei suoi vini, la cantina, grazie alla posizione privilegiata dei vigneti di proprietà e grazie anche a una rigida etica produttiva, addirittura sancita da principi messi per iscritto, è affermata da anni a livello internazionale.

Per fare un esempio delle ferree regole seguite dall’azienda, basterà dire che solamente il mosto proveniente dalla prima spremitura viene utilizzato per la produzione degli Champagne, mentre tutto quello ottenuto con la seconda pigiatura è venduto ad altre cantine.

Attualmente, la maison può contare su un’estensione vitata che arriva a coprire oltre 160 ettari, la maggior parte dei quali si trovano suddivisi tra la montagna di Reims e il territorio di Ay.

Gli Champagne di Bollinger: solo Grand Cru e Premier Cru

Classificati per oltre la metà come Grand Cru, e come Premier Cru per la restante parte, i vigneti sono allevati con meticolosa cura, per cui le piante crescono nel pieno rispetto di ambiente ed ecosistema.

Oltre al pinot meunier e allo chardonnay, è soprattutto il pinot nero il vitigno attorno al quale ruotano gli assemblaggi della maison, che usando sapientemente le uve di questo vitigno, riesce a conferire ai suoi Champagne ricchezza, vinosità e rotondità.

Dal Brut “Special Cuvée” all’Extra Brut “R.D.”, dal Rosé ai millesimati, nelle storiche cantine di affinamento, composte da chilometri di cunicoli, tutti gli Champagne etichettati Bollinger maturano dai tre agli otto anni, molto più di quanto richiesto dai disciplinari, garantendo il perfetto sviluppo degli aromi ed esprimendo sempre il massimo equilibrio possibile. Scopri il meglio di Bollinger tra i nostri vini online!

Il prezzo degli Champagne Bollinger

A differenza di altre maison celebri, Bollinger ha i propri vigneti, l'85% dei quali sono Premier e Grand Cru, il meglio che il terroir della Champagne abbia da offrire. Senza contare che la maison annovera tra i vigneti di proprietà due zone mai colpite dalla fillossera, le vieilles vignes. Tutto questo per dire che quando vedi un prezzo di uno Champagne, c'è dietro un mondo. Nel caso di Bollinger ecco quindi le varie fasce:

La Special Cuvée è il best seller della maison, ottimo rapporto qualità-prezzo, poco sopra i 50€. Una cuvée di Pinot, Chardonnay e Meunier da diverse annate. Al palato è vellutato con note di pera, brioche e noce.

Passiamo adesso al top di Bollinger, il Blanc de Noirs, vero e proprio gioiello della maison, prezzi sui 130-200€ ma li vale tutti perché parliamo di cuvée realizzate con uve di Pinot Noir tra le migliori al mondo. Al palato è un'esplosione, sentirai profumi di confettura, fichi secchi, pan tostato. I millesimati come l'AYC18 sono tra i migliori rappresentanti della categoria Blanc de Noirs.

I rosé tipo La Grande Année 2014 ti stupiranno.Prodotti solo nei millesimati d'eccellenza. Perfetto equilibrio tra robustezza e delicatezza. Caratterizzati da un invecchiamento prolungato sui lieviti, offre una complessità aromatica con note di frutti rossi e una texture setosa. Prezzi di partenza tra i 200 e 250€.

Arriviamo infine ai pesi massimi, gli Extra Brut R.D. di annate top come 2008 o 1995, da 375 a oltre 600€ a seconda del millesimo. Parliamo di champagne prodotti dalle Vieilles Vignes, R.D. sta per  Récemment Dégorgé, o "recentemente sboccato" in francese. Sono le cuvée più esclusive e distintive della Maison Bollinger, invecchiati anche più di 8 anni sui lieviti. Mousse fine e persistente, aromi di frutta matura, frutta secca, panettone e note tostate, con un sottile sottofondo di agrumi e spezie.