Untitled-1

Sardegna

Quali sono i migliori vini sardi?

Dal Cannonau al Vermentino, passando per Monica e Nuragus, i vitigni sardi sono perfettamente adattati al terroir e lo interpretano in modo unico, dando vita a vini dagli aromi varietali e secondari unici. Pochi interventi in vigna e una vinificazione naturale esaltano ulteriormente la genuinità dei vini sardi. Tutto questo si traduce in vini dai profumi intensi e netti, che ricordano la macchia mediterranea e il mare. Corposi ma freschi, si abbinano divinamente alla cucina sarda e ai suoi piatti tipici, vero e proprio crocevia di culture diversissime, come quella spagnola e quella araba. 

Ma quali sono i vini Sardi DOC e DOCG?

-Cannonau: coltivato da secoli nell'isola, produce vini rossi intensi e generosi. I profumi ricordano erbe aromatiche, macchia mediterranea, mirto e sottobosco. In bocca il Cannonau è corposo e tannico, con una piacevole nota di frutti neri, mora e amarene. Invecchiando acquista toni speziati, cioccolato, tabacco e perfino bacon. I tannini si fanno fanno via via più vellutati. Le etichette top provegnon dalle zone di Jerzu e Oliena e tutta la Barbagia. Produttori come Giuseppe Sedilesu, ma anche Teularju col suo Barbagia Rosso (100% Cannonau) e Mamojàche produce Cannonau da una mineralità più spiccata grazie al terroir vulcanico.

-Carignano del Sulcisvitigno un tempo poco apprezzato, oggi il Carignano sta vivendo un grande riscatto. Coltivato nell'omonima regione storica del sud-ovest della Sardegna, zona rocciosa e ventosa affacciata sul mare, è un rosso strutturato, deciso, soprattutto in gioventù. Aromi di frutta rossa e una leggera nota minerale che si evolve verso aromi terziari di chiodi di garofano e liquirizia con l'avanzare degli anni. Tra i produttori, impossibile non menzionare Cantina Mesa e il suo "Buio".

-Vermentino, un vitigno, due vini: se parliamo di vini bianchi sardi, il pensiero va subito al Vermentino. Sono due le tipologie di questo vino isolano, il Vermentino di Sardegna DOC, diffuso un po' in tutta l'isola, dai profumi agrumati e floreali, ottimo con pescato e primi di mare. C'è poi il Vermentino di Gallural'unica DOCG isolana. Quello di Gallura è un bianco che origina da terreni granitici prossimi al mare. Proprio il mare dona a questo Vermentino sapidità e profumi di macchia mediterranea. Spiccate anche le note fruttate, di frutta a polpa gialla, melone, pesca. Tra i produttori sicuramente da menzionare Argiolas, che col suo "Is Argiolas" ha riscritto la storia di questo vino.

-Monica e Nasco: se invece volete uscire dal percorso "standard" dell'enologia isolana, potete provare gli altri vini prodotti da vitigni autoctoni. C'è la Monica di Sardegna DOC, perfetto per chi cerca un rosso sardo più leggero del corposo Cannonau. La Monica è un vino dagli spiccati aromi di piccoli frutti rossi accompagnati da cenni speziati. Perfetto come rosso di apertura, insieme a degli antipasti. Il Nasco (la DOC è nella zona di Cagliari) è invece un vitigno autoctono dalle note saline, floreali, che da vita a vini bianchi piacevoli e rinfrescanti, perfetto per antipasti di pesce.

Scopri il vino sardo ideale nella nostra selezione e goditi il meglio dell'enologia isolana.

Hai visualizzato di 114 prodotti

Mostra di più

Loading...
|