Untitled-1

La Sardegna è un’ isola a statuto speciale, oggi considerata molto importante nel panorama della viticoltura italiana, sia sul fronte della produzione di vini bianchi che di quella di vini rossi, che vengono elaborati quasi sempre da uve in purezza o con un apporto minoritario di altre uve. La viticoltura in Sardegna ha origini risalenti al 2000 a.C., anche se notizie certe circa la viticoltura locale si hanno con l’arrivo dei Fenici. Nell’epoca romana, la coltivazione della vite continuò ad avanzare, seppur con ruolo marginale rispetto a quella del grano. Con le invasioni barbariche, la viticoltura crollò profondamente, riconquistando il suo ruolo solo nel Medioevo, periodo in cui iniziarono a diffondersi anche diverse varietà di nuovi vitigni. Dopo la distruzione delle viti causata dalla fillossera nella seconda metà dell’800, il tessuto viticolo venne ricostruito senza grandi mutamenti. I vigneti sardi sono costituiti sia da vitigni a bacca bianca che da quelli a bacca rossa. Il vitigno più importante è rappresentato dalla vernaccia di Oristano. I vitigni più diffusi sono cannonau, nuragus, monica, vermentino, carignano, pascale, manzoni bianco, sangiovese, bovale, nieuddu, ma anche moscato bianco e malvasia per i vini da dessert. A fronte di una sola Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG), la Sardegna offre 17 Denominazioni di Origine Controllata (DOC). Nella parte nord-est, nella zona di Olbia, c’è la vasta e unica DOCG Vermentino di Gallura, da uve vermentino e prodotta nelle versioni bianco e spumante. Sul versante nord-ovest, sorgono le DOC Moscato di Sorso Sennori e Alghero. Sempre sulla costa est, più in basso, ci sono le DOC Malvasia di Bosa, Arborea, Vernaccia di Oristano e Campidano di Terralba. Nell’angolo sud-est troviamo, invece, la nota DOC Carignano del Sulcis. Le DOC più vaste come zona di produzione sono Girò di Cagliari, Cagliari, Nasco di Cagliari, Nuragus di Cagliari, che si estendono tra la provincia di Cagliari e Oristano. Su tutto il territorio sardo, infine, si producono le DOC Cannonau di Sardegna, Monica di Sardegna, Sardegna Semidano e Vermentino di Sardegna. Tra le cantine famose e premiate, alcune storiche, della Sardegna ci sono: Tenute Sella e Mosca, Giuseppe Sedilesu, Mesa, Attilio Contini, Giovanni Montisci, Giovanni Cherchi, Giuseppe Gabbas, Pala, Capichera, Cantina Giba, Sardus Pater, Cantina di Santadi, Fradiles, Argiolas, Vigne Surrau, Mura, Chessa, Poderosa, Dettori, U’ Tabarka. jQuery(function(){ jQuery('div.leggi').expander({ slicePoint: 600, expandText: '(leggi tutto)', userCollapseText: '(leggi meno)', afterExpand: function(){ jQuery(this).find('.details').css('display','inline') }, }); });

Altre promo