Untitled-1

Dietro a ogni etichetta di Donnafugata si nasconde una storia ricca di passione, che si svela in un calice. Una cantina di suggestioni enoiche, Donnafugata, che vi presentiamo oggi in questa speciale selezione che racchiude anche le nuove annate dei suoi prestigiosi bianchi. Un’occasione imperdibile per conoscere il meglio di questa storica cantina siciliana, come il sublime “Mille e una notte”, tra i primi Nero d’Avola diventati famosi nel mondo. Nato a metà degli anni Novanta, questo rosso ricco e complesso, è figlio di quell’incredibile commistione tra terroir siciliano e sapienza di cantina, che Donnafugata ha abilmente perfezionato in questi anni. Vini territoriali, capaci di raccontare l’incredibile universo sensoriale siciliano, come il Passito di Pantelleria Ben Rye dagli opulenti aromi di fichi secchi e miele, o l’Anthilia, ottimo con i crostacei e il pesce. Un’azienda fondata negli anni Ottanta da Giacomo Rallo, spesso associata a quel rinascimento dei vini siciliani che ha letteralmente cambiato l’approccio qualitativo nel sud Italia. Un nome - Donnafugata - che è già di per sé una novella siciliana, con quella “donna in fuga” dalle truppe napoleoniche, la regina Maria Carolina moglie dell’Imperatore Ferdinando IV di Borbone, che si ripara in Sicilia, trovando rifugio proprio dove oggi crescono rigogliosi i loro vigneti. Oggi questa cantina dalle mille storie, si divide in tre grandi territori di produzione: dalle mitiche vigne di Pantelleria alle antiche cantine di Marsala fino alla splendida Tenuta Contessa Entellina, nel cuore della Sicilia Occidentale.

Altre promo