E’ un territorio capace di regalare vini dalle caratteristiche diverse, la Maremma. Una zona bella e selvaggia che nei secoli ha accolto certe uve, respingendone delle altre. In questo miscuglio di suoli e climi dalle caratteristiche uniche, nascono vitigni autoctoni e internazionali come Merlot, Syrah, Sangiovese e Chardonnay, capaci di rappresentarne la complessità nel calice. Poggio Argentiera col suo Morellino di Scansano Capatosta, è un esempio di quanto si possa ottenere di buono dal sangiovese maremmano. Frutto concentrato, leggeri tocchi balsamici, sorso tannico e strutturato, è il rosso più rappresentativo dell’azienda, creatura nata dalla visione di Gianpaolo Paglia, agronomo di origini maremmane con trascorsi da scienziato, e Justine Keeling, marketing manager inglese. Il Morellino di Scansano Vaio di Villa Poggio Salvi è un altro rosso esemplare, immediato al naso coi suoi aromi di mirtilli e prugne, palato fresco ed equilibrato, che puoi abbinare al filetto al sangue. Pioniere del Morellino, Erik Banti ha saputo domarne la personalità ruvida e per certi versi scorbutica, creando vini che coniugano morbidezza e tannini croccanti, merito della certosina selezione in vigna e all’utilizzo misurato del legno in cantina. Il suo Toscana Ripe More, marasca, liquirizia e pepe, è un altro rosso da Sangiovese, che col Syrah assume un fascino internazionale, che ne segna il carattere con tratti più speziati. I vini della nostra selezione sono tanti, tutti da scoprire e assaggiare. Cosa aspetti?

Altre promo