Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Domaine Denis Mortet


Pur rappresentando appena il 5% dell’intera superficie vitata nazionale, la Borgogna è senza dubbio una delle regioni vinicole più emblematiche di tutta la Francia. La sua storia è strettamente legata alla sua geografia: pianure, colline, valli, altipiani e corsi d’acqua, ma soprattutto un insieme di piccoli appezzamenti che assomiglia a un mosaico, costituito da “geometriche” proprietà occasionalmente separate da muretti in pietra. Caratteristiche peculiari che arrivano a modellare l’identità dei vini di Borgogna, contraddistinti dal loro terroir di origine piuttosto che dal brand o dal marchio della proprietà.
In questo palcoscenico recita la propria parte il “Domaine Denis Mortet”. Tutto ha avuto inizio attorno alla metà del secolo scorso, nel 1956 per la precisione, quando Charles Mortet acquista il primo ettaro di vigna, la cui uva veniva venduta ai negociant come spesso accadeva in Borgogna. Un paio di decenni più tardi, nel 1978 per l’esattezza, il figlio di Charles, Denis Mortet, insieme alla moglie decide di imbottigliare il frutto del loro raccolto e provare a vendere il vino sotto proprio nome. Oggi il Domaine può contare su una superficie complessiva che si estende su circa dodici ettari, Denis non c’è più, ma al suo posto Arnaud, suo figlio, conduce mirabilmente l’azienda, rispettando la tradizione ma cercando sempre di migliorarsi in tutto e per tutto, con la giusta dose di umiltà e competenza.
Ecco allora che tra i filari inizia tutto il percorso aziendale, volto al massimo rispetto di natura, ambiente, ecosistema e biodiversità, convinti del fatto che l’eccellenza della materia prima è indispensabile per arrivare a produrre grandi vini. Nessun impiago di diserbanti né di fertilizzanti chimici, quindi, norme agronomiche biologiche, potatura a guyot e lavorazione del terreno con il cavallo o con trattori leggeri, e ovviamente vendemmia rigorosamente manuale.
In cantina la filosofia adottata non è diversa da quella applicata in vigna, per cui dopo la fermentazione i vini invecchiano in botti di rovere per almeno 18 mesi, e nel segno dei più alti livelli qualitativi, tutti i processi produttivi sono portati avanti cercando di esaltare e valorizzare tutto quanto la stagione e il territorio hanno saputo plasmare nel frutto.
Dal Gevrey-Chambertin al Chambolle-Musigny, dal Clos-de-Vougeot al Premier Cru Lavaux Saint-Jacques, passando per il Marsannay: vini semplicemente eccellenti.