Untitled-1

Paladin


Nelle terre venete del caranto affiorano ancora oggi anfore vinarie di epoca romana. In questo territorio Paladin ha cominciato la sua storia di vigne e di vini nel lontano 1962.
Una storia con i profumi delle vicine Prealpi e dell'Adriatico, raccontata dalle penombre di una generosa cantina. Con mezzo secolo di esperienza sulle spalle e un rapporto vivo e appassionato con il proprio territorio, Paladin è sinonimo di creatività enologica che si tramanda e si rinnova di padre in figlio, di una
rara capacità di esprimere al meglio il carattere dei vini attraverso rigorosi processi di vinificazione, sempre più sostenibili e rispettosi della materia prima. Nascono così Vini da monovitigno, fruttati, freschi e con la massima espressione di piacevolezza e bevibilità; caratterizzati da una moderata gradazione alcolica, rispettosi della miglior tradizione, ma al contempo nati da tecnologie e saperi d’avanguardia.
Paladin collabora con le Università di Padova e di Milano in importanti progetti per il raggiungimento di ambiziosi obiettivi qualitativi e per la tutela della salute del consumatore, come la continua riduzione dei solfiti presenti nel vino.
La dedizione e l’impegno nel lavoro delle vigne creano legami strettissimi con la famiglia, gli uomini e il territorio, suggellando grandi amicizie e grandi gioie.
Dall’unione di tradizione e innovazione sono nati vini caraterizzati da una grande originalità: Malbech, Raboso Fiore, Salbanello e Syrah sono i suoi campioni, in Italia e nel mondo.