Untitled-1

Monte dei Roari


"L’azienda agricola Monte dei Roari si trova sulle colline di Valeggio sul Mincio, nella zona di elezione del Custoza e del Bardolino.
Rilevata, nel 2007, da Alessia Bertaiola, che all'epoca aveva già maturato numerose esperienze nei settori del Controllo Qualità e della Ricerca e Sviluppo di alcuni grandi marchi della grande distribuzione e dell’industria alimentare, l'azienda conta attualmente circa 10 ettari, frammentati in tanti piccoli appezzamenti, su depositi morenici che, a seconda delle zone, presentano suoli argilloso calcarei o ferrosi.
I vitigni, poi, sono allevati prevalentemente ad archetto veronese, e tra le uve coltivate spiccano le varietà di trebbiano, garganega, tocai, malvasia, corvina, rondinella, rossanella, fernanda e merlot, con quelle a bacca bianca allevate su terreno argilloso-calcareo e quelle a bacca rossa su suolo ferroso.
Raccolte manualmente e in tempi diversi, a seconda del grado di maturazione, le uve vengono pressate separatamente e vinificate in vasche di acciaio, botti di cemento o anfore in terracotta.
Le fermentazioni, inoltre, avvengono solo con lieviti indigeni, non vengono effettuate né chiarificazioni né filtrazioni ed il livello di solfiti aggiunti è molto basso.
Alessia, infatti, consapevole di quanti prodotti estranei all'uva si utilizzano nell'enologia convenzionale, ha deciso di seguire, fin dagli inizi, i dettami dell'agricoltura biologica.
Tra i vini prodotti dall'azienda meritano sicuramente una menzione il Bardolino Chiaretto DOC e il Custoza DOC.
Il primo, rosato, con riflessi aranciati, segnato da sentori di frutti rossi maturi e note di agrumi, è un vino fresco, sapido e piacevolmente equilibrato affinato in vasche di cemento per 3-4 mesi, da gustare con leggerezza, sorso dopo sorso.
Il secondo, invece, nasce da vigneti situati nell’entroterra del Lago di Garda, a 200 metri di altitudine, affina per alcuni mesi in acciaio prima di essere imbottigliato e riposare ancora un mese per completare l’evoluzione ed è un vino molto fresco, in cui spiccano le sensazioni citrine.

"