Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Domaine Barmès-Buecher


Il Domaine Barmès-Buecher è situato nel cuore dell’Alsazia francese, a pochi chilometri di distanza da Colmar e Eguisheim. E’ stato fondato nel 1985 da Geneviève Barmès e da suo marito François Barmès, che hanno unito le proprietà delle rispettive famiglie decidendo, sin da subito, di coltivare i vigneti utilizzando pratiche biodinamiche, rispettando quindi la natura e i cicli naturali delle piante. La certificazione a fronte di questo grande sforzo è arrivata presto, nel 2001. Dopo la tragica morte di François, nel 2011, sua figlia Sophie e suo nipote Maxime sono entrati sempre più maggiormente nella gestione quotidiana dell’azienda; in particolare Maxime si occupa della produzione e della vinificazione, continuando, con rigore e dedizione, a realizzare vini di grande personalità, riconosciuti non solo da una clientela assai fedele, ma anche dalla critica francese nonché dalle principali riviste di settore internazionali.
Oggi i vigneti di proprietà del Domaine si sviluppano su una superficie di 17 ettari, in cui si coltivano diversi varietali a bacca bianca e rossa come pinot noir, riesling, silvaner, gewurztraminer, muscat, pinot blanc, pinot gris, pinot auxerrois. Ovviamente la scelta della biodinamica instaura una relazione stretta con il terroir, dando voce a ogni singola parcella con autenticità; in particolare ricordiamo i tre Grand Cru più importanti in cui il Domaine può vantare la presenza di alcune vigne, ossia Hengst, Pfersigberg, Steingrubler.
I vini prodotti rispecchiano il rapporto che c’è fra la terra, l’uva e il lavoro dell’uomo. Ogni operazione in vigna è manuale, e in alcune parcelle si lavora con animali da tiro. Ogni bottiglia porta ben impresso il marchio del “climat” di riferimento, portando avanti una tradizione famigliare che vuole esaltare le singole particolarità di ciascun terroir.
Diverse sono le etichette prodotte a oggi, per una gamma di vini capace di alternare espressioni qualitativamente molto importanti – su tutti i Grand Cru, che raccontano il meglio dell’Alsazia francese – a prodotti più indicati per un uso più informale, anche quotidiano.