Untitled-1

Bellora


Nel cuore del territorio in cui storicamente si produce il Bardolino Classico, completamente immersa nel verde e circondata da uliveti e vigneti, si incontra la Tenuta di Naiano, nata sul finire degli anni ’30 - nel 1939 per l’esattezza - per mano di Giuseppe Bellora. Siamo poco lontano dalle sponde del Lago di Garda e non molto distanti dalla città di Verona, per la precisione nel territorio del comune di Cavaion Veronese. Gestita attualmente dalla terza generazione familiare, che vede Tommaso Bellora, nipote di Giuseppe, reggere saldamente le redini dell’impresa, l’azienda commercializza con successo tanto in Italia quanto all’estero vini di alta qualità, che rispondono a nomi quali “Nepitello”, “Gianni Bellora”, “Il Mastego” e “La Pelizzara”. Contando al momento su una superficie vitata che arriva a coprire trenta ettari, tra i filari della Tenuta di Naiano si incontrano principalmente varietà autoctone venete, come corvina veronese, rondinella, corvinone, oseleta, molinara e garganega, affiancate, seppure in percentuale ridotta, da uve di trebbiano, cortese, friulano, syrah, pinot grigio e chardonnay. In ogni caso, comunque, piante allevate nel pieno rispetto di ambiente, natura ed ecosistema. In cantina, le regole non sono molto differenti, e qualsiasi tecnologia enologica viene impiegata senza mai prevaricare ciò che la stagione e il territorio hanno espresso nel frutto, e senza mai mettere in secondo piano le più antiche tradizioni vinicole del luogo. Da tutto ciò prende vita una gamma di etichette sincera, tipica e rigorosa da un lato, poi allo stesso tempo di estrema bevibilità, appagante e gradevole. Dall’Amarone della Valpolicella al Valpolicella Superiore, dal Ripasso al Bianco di Custoza, dal Bardolino al Soave, per finire con gli Spumanti, con il Chiaretto e con il Pinot Grigio delle Venezie, a qualsiasi denominazione appartengano, quelli che rimandano al nome “Bellora, Tenuta di Naiano” sono tutti vini capaci di raccontare al calice, le più belle storie di quella che è la migliore enologia veneta.