Untitled-1

Nicolucci


L’Emilia Romagna è una fra le regioni italiane dove la viticoltura si estende maggiormente, con circa 60.000 ettari vitati, per metà disposti in pianura e per la rimanente parte suddivisi fra territori collinari e montuosi. Molte sono le aziende vitivinicole che ben rappresentano il territorio, attraverso le svariate DOC e le due DOCG - Romagna Albagna e Colli Bolognesi di Pignoletto -, che rappresentano il vertice qualitativo della produzione regionale. L’azienda agricola Nicolucci è stata fondata da Giuseppe Nicolucci nel lontano 1885 a Predappio Alta, frazione del rinomato comune di Predappio, poco distante da Forlì. Una zona particolarmente vocata dal punto di vista vitivinicolo, dal momento che già intorno all’anno 1000 d.C. l’economia locale era sostanzialmente imperniata sulla produzione dell’uva regina di quest’area, il sangiovese. Testimonianza concreta di ciò si evince dagli “Statuti Comunali” di Predappio Alta, datati 1383 d.C., che regolamentano nei dettagli come la coltivazione della vite dovesse svolgersi nei perimetri del Castello situato al centro del paese. L’azienda è a conduzione rigorosamente famigliare, e si sviluppa su un’estensione di circa 10 ettari, per una produzione annua che si attesta sulle 70.000 bottiglie circa. Oggi le redini della gestione sono affidate ad Alessandro Nicolucci, esponente della quarta generazione, enotecnico che segue quotidianamente il lavoro in azienda. Nei vigneti, situati a circa 300 metri sul livello del mare su terreni ricchi di argilla, calcare e minerali, si coltiva principalmente sangiovese, con una piccola percentuale di trebbiano, pinot e albana. In cantina si seguono metodi di vinificazione e affinamento rigorosamente tradizionali, tramandati di generazione in generazione. Sette sono le etichette a oggi realizzate, tra cui spiccano il “Predappio di Predappio Vigna del Generale”, sangiovese in purezza che anno dopo anno continua ad essere premiato dalle principali riviste di settore italiane, e il “Tre Rocche”, anch’esso espressione di sangiovese molto apprezzata.