Untitled-1

Vini Laziali


Il Lazio è una regione del centro Italia che solo negli ultimi anni sta conoscendo un certo successo dal punto di vista della viticoltura, grazie al lavoro di alcuni produttori che hanno deciso di puntare maggiormente sulla qualità, anziché sulla quantità come avveniva fino a poco tempo fa. I vigneti del territorio laziale ricoprono poco meno di 25 mila ettari.
La viticoltura in Lazio ha origini probabilmente che risalgono al periodo precedente ai Romani. Fu, tuttavia, con la fondazione della città di Roma che la coltivazione della vite e la produzione di vino conobbero uno sviluppo grandioso fino all’avvento della fillossera nella seconda metà dell’800, che causò delle perdite immani nel patrimonio viticolo.

I vigneti del Lazio sono dominati dalle uve a bacca bianca. I vitigni a bacca bianca più coltivati sono la malvasia di Candia e il trebbiano toscano. Sono diffusi anche dei vitigni autoctoni, quali bellone, cacchione, bonvino bianco e grechetto. Tra le uve a bacca rossa, troviamo cesanese, ciliegiolo, montepulciano, merlot, cabernet sauvignon, barbera.

La regione vanta 3 Denominazioni di Origine Controllata e Garantita (DOCG) e 27 Denominazioni di Origine Controllata (DOC).
In provincia di Frosinone, si estende la DOCG Cesanese del Piglio, vino rosso secco prodotto dall’uva autoctona cesanese, oltre alle DOC Cesanese di Affile, Cesanese di Olevano Romano e Genazzano.
In provincia di Roma, la zona dei Castelli Romani è la più importante dal punto di vista della produzione dei vini: troviamo infatti i due vini bianchi DOCG prodotti da uve malvasia di Candia - Cannellino di Frascati e Frascati Superiore, con la relativa DOC di ricaduta Frascati - oltre alle DOC Castelli Romani, Zagarolo, Montecompatri Colonna, Marino, Colli Albani, Colli Lanuvini, Velletri. La continuazione dei Castelli Romani costituisce la DOC Aprilia.
In provincia di Viterbo, invece, nascono le DOC Est! Est!! Est!!! di Montefiascone, Aleatico di Gradoli, vino da dessert, e Vignanello. La provincia di Rieti include un’unica DOC, Colli della Sabina.

Tra le cantine famose e premiate del Lazio ci sono: Casale del Giglio, Antonello Coletti Conti, Tenuta di Fiorano, Poggio Le Volpi, Principe Pallavicini, Sergio Mottura, Falesco.