Untitled-1

Gabbas


"L'azienda agricola di Giuseppe Gabbas ha un’estensione su una superficie di circa 30 ettari, suddivisi principalmente in 20 a vigneto e 5 a oliveto, collocati ad un’altitudine compresa tra i 240m e i 350m s.l.m. in una vallata ai piedi del Supramonte, nel cuore della Sardegna, a dieci Km. da Nuoro, capoluogo della Barbagia.
La cantina Gabbas è stata fondata nel 1974 da Giuseppe che con il suo lavoro ha dimostrato costantemente l’amore e la conoscenza del territorio di quest’angolo di Barbagia.
Questa piccola e dinamica realtà produttiva in un territorio particolarmente vocato alla coltivazione della vite riesce sempre ad esprimersi al meglio, regalando al vino tratti di eleganza e di territorialità altrove difficilmente raggiungibili.
Si tratta di un territorio caratterizzato da terreni profondi, di origine granitica ed abbastanza permeabili, in grado quindi di conservare una certa umidità anche nei periodi di lunga siccità.
Il particolare micro clima di questa zona, in cui l’influenza delle brezze temperate che provengono dal mare, che dista poco più di venti chilometri, e la vicinanza di rilievi montuosi assicurano una buona escursione termica, con effetti positivi sul colore e sul profilo aromatico delle uve. Si costituisce quindi un ecosistema ideale per la vite, potendo quindi minimizzare, tra l'altro, l’utilizzo di trattamenti antiparassitari, che vengono comunque eseguiti solo con prodotti tradizionali.
La razionalità degli impianti della cantina Gabbas e la loro piccola estensione consentono oltretutto di praticare una viticoltura di altissima qualità, basata su principi colturali come le potature corte e le rese contenute, mirati ad ottenere l'esaltazione delle caratteristiche varietali delle uve.
Il vitigno maggiormente coltivato dall’azienda Giuseppe Gabbas è il Cannonau, al quale sono state aggiunte anche altre varietà locali, tra cui il bovaleddu o bovale sardo che localmente viene denominato muristellu, frutto di una selezione tra le più interessanti del ricco panorama viticolo sardo.
"