Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Doyard-Mahé


"Lo Champagne continua a essere uno dei prodotti più conosciuti e apprezzati in tutto il mondo. Da sempre associato a momenti di felicità e celebrazioni gioiose, è la bollicina per eccellenza, dotata di una classe, di una storia e di una finezza unica, anche se in tante parti del mondo si producono spumanti con lo stesso metodo di rifermentazione in bottiglia, utilizzando le stesse uve coltivate nello Champagne.
Oggi in questa fondamentale AOC francese operano circa 15.000 viticoltori, di cui 10.000 conferiscono le uve a un centinaio di Maison, le più affermate e celebri, mentre circa 5.000, per lo più piccoli produttori, hanno deciso di produrre in proprio, dedicandosi quotidianamente alla creazione di questo vino.
In quest’ultimo gruppo di vigneron “coraggiosi” troviamo anche la maison Doyard-Mahé, piccola azienda creata nel 1927 da Maurice Doyard, cofondatatore, nel 1941, del Comité Interprofessionnel du vin de Champagne. Ci troviamo all’interno della Côte des Blancs, regno dello chardonnay, più precisamente a Vertus, terroir classificato come Premier Cru, poco lontano da Epernay.
E’ qui che la famiglia Doyard, oramai da quattro generazioni, coltiva poco più di 6 ettari di terreno, suddivisi in 42 parcelle diverse, facendo tesoro delle esperienze passate per proiettarsi al futuro con lungimiranza.
Tra i filari, come anticipato, l’indiscusso protagonista è lo chardonnay, a cui si affianca una minuscola percentuale di pinot nero, utilizzato per la “Cuvée Rosé” e per il Ratafia, tipico liquore di questa parte della Francia. L’approccio in vigna mira non solo a tutelare la natura circostante ai vigneti, con pratiche sostenibili di lavoro, a basso impatto ambientale, ma anche l’uva stessa.
“La natura ci ha dato un prodotto meraviglioso, che noi rispettiamo”: queste le parole di Philippe, oggi alla guida di una Maison che produce circa 50.000 bottiglie, ripartite fra otto etichette da cui emerge la mineralità tipica del terroir di Vertus e la bellezza delle diverse sfumature con cui lo chardonnay viene interpretato.
"