Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Domaine Alain Chabanon


Alain Chabanon è un vigneron dalla storia molto particolare. Figlio di due insegnanti, non si può dire che, durante l'adolescenza, abbia masticato vino, anzi, il suo sogno era da sempre quello di diventare un allevatore di bestiame. Fu con questo intento che Alain si iscrisse all'Università di Bordeaux, ma qui, dopo aver incontrato diversi vignerons, il suo punto di vista cambiò, scoprendo quanto potessero essere affascinante il lavoro nei campi e l'enologia in generale.
Dopo aver completato gli studi e aver affinato la propria esperienza in diverse cantine, Alain decise di fare il grande passo, fondando la sua cantina a Montpeyroux, nella regione del Languedoc - Montpeyroux. Proprio qui si trovano infatti i 17 ettari vitati di vigna di proprietà di Alan, sparsi fra cinque diversi villaggi. Questa caratteristica è importante, giacché ogni area gode di un particolare microclima e di un caratteristico sottosuolo. Tra i filari, dove si coltivano vermentino, merlot, chenin, carignan, mourvèdre, syrah e grenache, si seguono pratiche di agricoltura biologica e biodinamica, senza alcun utilizzo di erbicidi, riconosciute dall'importante associazione ECOCERT. Alain crede infatti che le viti debbano cercare il proprio sostentamento unicamente dalle componenti minerali del terreno, anche se il risultato può essere una resa notevolmente più bassa.
Le uve si vendemmiano rigorosamente a mano solamente durante la mattina - per evitare la calura pomeridiana - quando i grappoli giungono al grado di maturazione ottimale. Il pomeriggio stesso della raccolta si procede con un'ulteriore selezione, che ""scarta"" gli acini non in perfette condizioni. In fase di vinificazione non si utilizzano lieviti industriali, ma solamente quelli autoctoni, che vivono per mesi sotto le bucce degli acini.
La gamma realizzata oggi dal Domaine Alain Chabanon conta poco meno di dieci referenze, per vini tanto premiati in Francia quanto ancora sconosciuti alla maggioranza del pubblico italiano. Il Blanc ""Trelans"" e il ""Saut de Côte"" sono, tra gli altri, due chicche davvero imperdibili!