Untitled-1

La Spia


I vini a firma La Spia nascono in Valtellina; il nome dell'azienda è infatti legato all’omonimo costone roccioso situato nella sottozona Sassella, una postazione di avvistamento e controllo fin dai tempi della dominazione dei Grigioni.
Nel 1962 la proprietà del bosco in collina è passata alla famiglia Rigamonti; è quest'ultima, poi, a destinarla alla coltivazione delle uve nebbiolo. In seguito, nel 2006, è arrivata la prima grande vendemmia: è così che sono nate le etichette “Valtellina Superiore Riserva DOCG”, “Valtellina Superiore Riserva DOCG” e, nel 2010, “Valtellina Superiore Sassella DOCG”.
Clima e terreno fanno, da sempre, della Valtellina un territorio vocato alla viticoltura; la sua conformazione e l’orientamento favoriscono, infatti, un clima ideale mentre i terreni, dal pH neutro a sub-acido, con una tessitura prevalentemente sabbiosa e scarsa profondità, conferiscono una buona ricchezza ai mosti e, conseguentemente, un’elevata finezza ed eleganza ai vini. Su questi pendii, i corti filari disposti nei terrazzamenti restano un sistema antico e funzionale, che ha reso possibile l’attuale viticoltura valtellinese, una delle aree terrazzate di montagna più estese d’Europa.
La Spia, perfettamente calata in tale contesto, ha cambiato, negli ultimi anni, registro produttivo, passando da poco meno di 5 mila ad oltre 15 mila bottiglie prodotte.
L’azienda ha preso, inoltre, in conduzione piccoli vigneti scelti nelle sottozone limitrofe; tra questi il “Grumello”, ma anche il “Valtellina Superiore” del comune di Berbenno.
Attualmente, nel catalogo vini La Spia troviamo il Valtellina Superiore DOCG, prodotto a partire da vigneti diversi, come Inferno o Sassella; due Alpi Retiche IGT, un Bianco e un Rosso e il Castelàsc. La crescita aziendale degli ultimi anni, infatti, ha visto il reimpianto di un vigneto a Chiuro, in località Castelásc, in cui metà superficie è coltivata a nebbiolo e l’altra metà a sauvignon, moscato giallo e souvignier gris, permettendo, così, la produzione di vini moderni e fortemente espressivi del territorio valtellinese.