Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Francisco Fernández Sousa


La Francisco Fernández Sousa nasce come azienda vitivinicola nel 1956; saputasi adattare al mercato odierno, si è dotata di tecnologie all'avanguardia e ha affinato le tecniche di vinificazione e di conservazione, senza però mai dimenticare le linee guida della tradizione, tramandate, con abnegazione, di generazione in generazione. L'alta qualità della produzione annuale, concentrata soprattutto sui vini bianchi, si deve anche alle eccezionali caratteristiche climatiche della provincia di Orense, in particolare della zona occidentale, ove si concentra l'attività dell'azienda, sulle rive dei fiumi Avia, Miño e Arnoya: qui, infatti, le vigne sono splendidamente plasmate da un clima di influenza atlantica, temperature miti e piogge frequenti. Furono i Romani, come è noto, a portare la coltivazione della vite in questa regione e le loro tracce appaiono tutt'ora evidenti nelle rovine pochi distanti dal fiume Miño, ma è grazie all'impegno, nel Medioevo, dei grandi monasteri, che si dedicarono qui a un'opera di riforestazione e promozione della viticoltura, se ancora oggi è possibile apprezzare i magnifici frutti di questa terra. Nell'età moderna poi, i vini della zona di Ribeiro, la cui capitale vinicola e storica, Ribadavia, è circondata da ben oltre 3100 ettari di vigneto, si sono, presto e velocemente, guadagnati l'attenzione dei mercati esteri e in particolare di quello inglese. Vini di grande eleganza, freschi, leggeri, molto aromatici e con un'acidità vivace, sono ottenuti principalmente dalle varietà autoctone treixadura, loureira e torrontés, per quanto riguarda i bianchi, e caiño e brancello, per quel che concerne i rossi. A partire dal treixadura, la Francisco Fernández Sousa produce Terra Minei, da uve in purezza, e Lagar de Brais, da un'associazione con palomino e torrontés; il primo è profondo e davvero complesso, con un bouquet ricco, segnato da profumi di fiori bianchi, note fruttate di pesca e una freschissima scia di menta, il secondo, invece, si esprime, su un sostrato erbaceo, con intensi aromi di mela e agrumi.