Untitled-1

Massucco


Nella frazione di San Giuseppe di Castagnito - siamo nel Roero, in provincia di Cuneo, pressappoco di fronte alla langa di Barbaresco da cui ci divide il corso del Tanaro - la famiglia Massucco da ormai quattro generazioni porta avanti un’azienda fieramente ancorata alle tradizioni del proprio territorio, benché non nuova alle sperimentazioni e capace di offrire vini di qualità distinta, che hanno l’indubbio pregio di andare incontro al gusto di una vasta platea di consumatori.
Tutto ha avuto inizio nel XIX secolo, e nel 1883 con esattezza: è da allora che, trasmessi di padre in figlio, i venti ettari di proprietà della cantina sono allevati con cura e passione, quasi come fossero dei figli. Tra i filari, le regole sono semplici ma allo stesso tempo ferree e seguite in maniera rigorosa: pratica della lotta integrata, esclusione di qualsiasi sostanza ogm, vendemmia manuale e massimo rispetto di ambiente ed ecosistema. Nebbiolo, barbera e brachetto sono le varietà a bacca rossa, poi abbiamo arneis, moscato, chardonnay e favorita per quanto riguarda le uve a bacca bianca. Grappoli che in cantina sono trasformati rispettando le più antiche tradizioni, e tenendo sempre ben dritta la barra verso la massima qualità: alla vinificazione - con fermentazione alcolica che avviene a opera dei soli lieviti indigeni - segue l’invecchiamento, in acciaio inox, in barrique o in botti di rovere grandi, secondo la tipologia del vino. Dai rossi, come Roero, Barolo, Nebbiolo, Barbaresco, Barbera e Dolcetto, si passa al Roero Arneis e allo Chardonnay, per poi arrivare agli spumanti - sia Metodo Classico che Metodo Charmat - al Brachetto e al Moscato d’Asti. Vini che, in alcuni casi, vengono vinificati esaltando singoli appezzamenti vitati, specifici cru dai quali sono selezionate le migliori uve, quelle più concentrate e quelle più ricche di aromi e di profumi.
Tutto qui: pochi segreti, ma tanta esperienza, tanta storia e livelli qualitativi altissimi, per quella che è la gamma dei vini proposta dai fratelli Massucco, capaci come pochi altri di produrre etichette eclettiche e di squisita naturalezza, nonché caratterizzate dalla evidente vocazione gastronomica.