Untitled-1

Maso Grener


La storia dell’azienda Maso Grener inizia sul finire del XX secolo, nel 1999 per la precisione, quando Cinzia Giacomoni e Fausto Peratoner, moglie e marito conosciutisi circa trenta anni prima frequentando la scuola di enologia di San Michele all’Adige, iniziano a ristrutturare la casa che diventerà in breve tempo la loro nuova abitazione.
Siamo in provincia di Trento, sulle Colline Avisiane, esattamente a Pressano, paese situato lungo la Strada del Vino nei pressi di Lavis, zona storica della vitivinicoltura del Trentino Alto Adige. Nel 2006, i coniugi Peratoner iniziano la loro attività ricettiva agrituristica, mentre la svolta enoica arriverà solo sette anni più tardi, nel 2013, primo millesimo vinificato e imbottigliato in proprio.
I vigneti aziendali, estesi su una superficie che complessivamente copre i tre ettari e localizzati nei pressi del maso su terreni ricchi di siltiti misti a dolomie e porfido, sono coltivati in maniera “ragionata”, con l’obbiettivo di produrre uve equilibrate, schiette e concentrate. Allevando le piante nel pieno rispetto di ambiente ed ecosistema, pur non essendo un’azienda biologica certificata o che segua esclusivamente pratiche biodinamiche, la cantina Maso Grener adotta alcune tecniche agronomiche ed enologiche rientranti in queste stesse filosofie produttive. In cantina, poi, in piena continuità con i metodi utilizzati dalle vecchie generazioni di vignaioli locali, ogni passaggio produttivo è strettamente controllato, senza che, nel contempo, la mano dell’uomo sia troppo invasiva.
Da tutto questo nascono vini dai profumi e dai sapori definiti e raffinati, capaci di testimoniare fedelmente le caratteristiche del terroir da cui provengono e le connotazioni specifiche della stagione che li ha visti nascere. Dallo Chardonnay al Sauvignon Blanc, passando per il Pinot Nero fino ad arrivare ai blend, sono vini, quelli etichettati “Maso Grener” figli della freschezza delle Alpi e frutto del calore mediterraneo. Vini espressivi, vitali e coinvolgenti. Vini da apprezzare in tutto e per tutto sino all’ultima goccia.