Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Gaggino


In Piemonte, nel cuore dell’alto Monferrato, esattamente a Ovada, in provincia di Alessandria, sono quasi cento anni che la famiglia Gaggino è attiva in ambito vitivinicolo.
Tramandando di padre in figlio importanti conoscenze e specifiche competenze enologiche, è stato Tommaso Gaggino che ha dato il via all’impresa, fondata all’inizio del secolo scorso, negli anni ’20 per l’esattezza, e da subito orientata verso una produzione di alta qualità.
Potendo contare su una superficie vitata che arriva a coprire circa ventuno ettari in totale, e con una produzione media di 150mila bottiglie annue, attualmente la cantina è guidata da Gabriele Gaggino, che insieme alla moglie Tiziana e ai due soci Franco e Massimo gestisce l’azienda con la stessa passione e con lo stesso amore che hanno dato origine all’attività.
Nei vigneti, l’attenzione è costante ed elevata, e le viti di dolcetto, barbera moscato, chardonnay e cortese, suddivise in due diversi appezzamenti, producono uve schiette e pregiate. Nel massimo rispetto di quello che è l’equilibrio di ambiente, natura ed ecosistema, ogni scelta agronomica è dettata dallo scopo principale volto a mantenere sane e vigorose tutte le piante.
In cantina, ogni passaggio produttivo viene monitorato e costantemente seguito. In fase di vinificazione e affinamento, l’azienda dispone di moderne tecnologie e di strutture all’avanguardia, per cui ogni fase lavorativa è ottimizzata e costantemente volta alla ricerca della massima eccellenza.
Nel rispetto delle più antiche tradizioni del territorio nascono le etichette Gaggino, sinonimo di vini puntuali e precisi, piacevoli nella beva e profondi all’olfatto, tutti altamente aderenti al terroir di provenienza nonché tipici e particolarmente fedeli al varietale.
Dal Cortese “Madonna della Villa” alla Barbera del Monferrato, dal Dolcetto di Ovada allo Chardonnay, passando per il Moscato d’Asti fino ad arrivare agli Spumanti, sono tutti vini, quelli targati “Gaggino”, da scoprire uno a uno, senza davvero tralasciarne nessuno.