Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Domaine Ponsot


"Domaine Ponsot nasce nel 1872 in Borgogna, terra dal clima unico e dai meravigliosi paesaggi naturali, che richiama la forte alleanza tra il tempo, la tradizione e l'uomo.
Il Domaine, fondato da William Ponsot, si estende su vigneti tra i più prestigiosi della zona, tra cui Clos de la Roche, Clos des Monts Luisants, Gevrey-Chambertine Les Combottes e Charmes Chambertin e fin dal lontano 1934 commercializza i propri vini non solo in Francia ma anche all'estero, in particolare negli Stati Uniti.
Laurent, Catherine e Stephanie Ponsot, gli attuali proprietari del Domaine oggi come allora propongono vini autentici, che rappresentano la ricchezza del terroir e del varietale, proseguendo con energia e passione la tradizione famigliare, che riflette il mondo contadino, senza bisogno di certificazioni ma agendo con rispetto estremo della terra e del frutto.
Ne deriva una filosofia non interventista e contadina che abbraccia la tecnologia e l'innovazione per esaltare la varietà e l'annata, concedendo alla vite ed in seguito al vino di esprimersi al meglio, con le sfumature, l'eleganza e la struttura che caratterizzano da sempre questi pregiatissimi terroir.
Da sempre i vigneron della Borgogna si caratterizzano per il grande amore che nutrono per il territorio e la famiglia Ponsot incarna alla perfezione la cultura della coltivazione ""simbiotica"" con le vigne allevate, dando il massimo valore al lavoro dell'uomo, al tempo e alla pazienza.
La raccolta di tipo tradizionale e manuale, in piccole cassette avviene valutando la maturazione fenolica e le uve vengono immediatamente trasportate nella cantina di 4 livelli, dove la forza di gravità aiuta la vinificazione.
Le lavorazioni prevedono fermentazioni e macerazioni in serbatoi tronconici aperti, in legno di quercia e un affinamento in botti di rovere rigorosamente usate per non interferire troppo con l'aroma del varietale. Per lo stesso motivo non vengono effettuate filtrazioni e in cantina l'uso di solforosa è limitatissimo."