Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Tournon


Paese in continua espansione in campo vitivinicolo, l’Australia ha il pregio di avere tanti giovani viticoltori appassionati che stanno portando la viticoltura a livelli sempre più alti. Per ciò che riguarda un pizzico di storia di questa grande nazione, ricordiamo come la viticoltura sia qui stata introdotta da pionieri britannici, arrivati nel paese agli inizi dell’800. Le condizioni climatiche dell’Australia sono molto variegate, tuttavia la maggior parte delle regioni soffre un clima caldo, talvolta torrido. Ed è proprio il caldo, spesso insopportabile, a influenzare l’agricoltura e lo stile dei vini. Proprio per questo motivo le zone più fresche, come l’area di Victoria, stanno guadagnando sempre più attenzioni e importanza. Qui, nel 2009, Michel Chapoutier acquisisce due vigneti - Shay’s Flat Estate e Landsborought Valley Estate nella denominazione Pyrenees -, alla quale si è aggiunto poi un terzo acquisto, la parcella Lady's Lane a Heathcote: fu l’inizio della cantina Tournon. Michel Chapoutier non è un nome qualunque nel mondo del vino: stiamo infatti parlando di un leggendario “winemaker” della Valle del Rodano francese, pioniere della selezione parcellare e dell'agricoltura biologica. Michel interpreta i suoi vini australiani con la stessa passione e dedizione che dedica ai suoi storici vigneti in Hermitage; il nome scelto per questa sua nuova avventura vitivinicola, “Tournon”, è infatti un omaggio alla cittadina di Tournon che si trova dall'altra parte della sponda del Rodano, di fronte a Tain-Ermitage. Tutti i vini prodotti da Micheal – oggi le etichette realizzate sono tre, il “Mathilda”, lo “Shay’s Flat” e il “Lady’s Lane” – provengono da uve di shiraz coltivate all’interno dello stato di Victoria, ma appartengono a denominazioni diverse, ognuna con le sue particolarità. Bottiglie che provengono da una mano eccezionale, basti considerare che, solamente qualche anno fa, nel 2015, ben 9 vini firmati da Micheal sono stati premiati dal grandissimo critico internazionale Robert Parker con il punteggio di 100/100.