Untitled-1

Scopone


Una piccola grande storia è quella che sta dietro all’Azienda Agricola Scopone. Il palcoscenico è quello delle terre di Montalcino, dove si trova l’antica cascina risalente al XIX secolo, un tempo residenza di diverse famiglie contadine, che unite insieme lavoravano nei campi di proprietà. Poi la guerra, ed ecco che durante il secondo conflitto mondiale la stessa cascina diviene rifugio per gli sfollati, per cui ancora oggi gli anziani del paese ricordano con rispetto quel luogo, che li ha ospitati durante momenti difficili. Finita la guerra, diversi proprietari si sono succeduti, sino al 1992, anno in cui la tenuta è stata acquistata dalla famiglia Genazzani. Da allora la storia è andata avanti sotto il segno della produzione vitivinicola, e la data del 1997 segna l’anno della prima vendemmia figlia dei vecchi vigneti risistemati. Poi altri nuovi vigneti sono stati impiantati, anche su consiglio del grande enologo Giacomo Tachis, amico e fidato consigliere della famiglia Genazzani. Oggi gli ettari vitati sono in totale 14, e l’impresa può contare su una moderna cantina di vinificazione semi-interrata, cui si affiancano gli altrettanto moderni spazi idonei all’invecchiamento. A un’altitudine che sfiora i cinquecento metri sul livello del mare, lungo dolci pendii e su suoli particolarmente vocati alla viticoltura, sono coltivate e raccolte uve qualitativamente eccellenti. Sangiovese grosso in primis - localmente chiamato “brunello” - poi anche cabernet sauvignon, cabernet franc, merlot e petit verdot: grappoli pregiati e schietti, in cantina vengono lavorati e interpretati esaltandone i tratti tipici e peculiari. Nascono in questo modo il Rosso di Montalcino, il Brunello e il Brunello “L’Olivare”, poi l’IGT “Il Bagatto” e il Sant’Antimo “Il Gregoriano”, per finire con la Grappa di Brunello: vini - o distillati - che quando riconducono al nome dell’azienda agricola Scopone, sono animati da quel profondo amore per le proprie vigne e da quella profonda passione per il proprio lavoro, capaci insieme di dare voce alla più vera e integra Toscana ilcinese.