Untitled-1

Mastrangelo


Nel 1998, Giuseppe Mastrangelo, erede della famiglia Appia-Mastrangelo, decide di rinnovare la storica tenuta di proprietà situata a Bernalda, in Basilicata: nasce così, a nuova vita, l'azienda agricola Mastrangelo. Nel 2008, dopo circa due anni dalla totale rigenerazione della vigna, il nuovo allevamento è diventato produttivo e la vendemmia del 2014, sebbene modesta a livello nazionale, ha dato il via alla prima vinificazione dell'azienda. La masseria Mastrangelo, tramandata di generazione in generazione, risale al XVIII secolo e svetta su di un'area di circa 100 ettari, su un promontorio rivolto a sud-est, con una vista suggestiva sulla macchia mediterranea, su frutteti e antichi uliveti. La Mastrangelo, che produce, da tempo, olio extravergine di ottima qualità, esportato con grande successo nelle varie regioni d'Italia, ha introdotto recentemente anche la produzione di vino. Il vitigno di proprietà trova dimora nella storica tenuta lucana della famiglia e rappresenta il giusto connubio tra tradizione e innovazione; le uve, coltivate e vinificate secondo i dettami dell'agricoltura biologica, sono quelle della varietà greco e il vino che vi si produce è il "Margherì", un Matera DOC. Il greco è un vitigno dalla storia antica e nobile, la cui presenza in questi territori si deve a quei coloni che, approdati sulle coste della Lucania, fondarono il Metaponto e i vini che regala sono, proprio come il "Margherì", ben articolati al naso, di chiara finezza estrattiva e piacevolmente vivaci. Il "Margherì", in particolare, il cui nome è stato pensato per onorare Margherita Appio, capostipite della storica famiglia, assaggiato da Paolo Massobrio, giornalista enogastronomico, è stato inserito nella "Top Hundred" de "Il Golosario". Oggi, realizzato il primo desiderio, ovvero quello di ristrutturare la masseria di famiglia e di recuperare terre ormai abbandonate, i Mastrangelo si stanno impegnando nel perfezionamento di quella che si può considerare la prima Fattoria Sportiva d'Italia, volta a coniugare la forte passione per la campagna con quella per lo sport.