Untitled-1

Edoardo Sderci


Toscana, terra di grandi vini e di grandi aziende, alcune con storie alle spalle molto antiche. Fra queste il Podere il Palazzino, realtà situata a Monti in Chianti, poco distante da Siena, affonda le proprie radici nel ‘700. È proprio in questo periodo infatti che Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena, Granduca di Toscana, iniziò la propria ambiziosa riforma agraria, frutto di quell’assolutismo illuminato tipico di questo periodo storico, il cui fine ambizioso consisteva nel rendere migliori le condizioni di vita dei contadini, contribuendo allo sviluppo della piccola proprietà. Podere il Palazzino faceva parte di quel patrimonio di dimore, fattorie e casolari che furono ristrutturati, e divenne proprietà della famiglia Sderci a metà dell’Ottocento circa. Oggi l’azienda è rappresentata da Alessandro e Andrea, due fratelli legati dalla passione e dall’amore per il buon vino.
Il Podere si sviluppa su circa venti ettari, dove gran parte dei terreni vengono dedicati alla viticoltura, a cui si affianca anche una piccola coltivazione di olivi. Nei vigneti si coltivano uve autoctone e internazionali sia a bacca bianca che rossa, tra le quali oltre al sangiovese, vitigno indiscusso di queste zone, troviamo anche colorino, canaiolo, malvasia bianca, malvasia nera, cabernet sauvignon, merlot e petit verdot. L’approccio in vigna è totalmente artigianale, volto a tutelare l’ecosistema e l’ambiente circostante: per questo motivo non si utilizzano sostanze nocive per il terreno, e le piante non vengono trattate con insetticidi, erbicidi né con altri prodotti di sintesi.
Tutto questo, per l’appunto, è Podere il Palazzino. Tutto questo e non solo, perché poi accanto ai due fratelli Andrea e Alessandro, c’è anche il figlio di quest’ultimo, Edoardo Sderci, giovane con le idee molto chiare che ha contribuito ad allargare la gamma dei prodotti, grazie anche all’aiuto della cugina Claudia. Ecco allora che ha preso vita la linea di etichette “Edoardo Serci”, figlie dei vigneti situati in località Casina Girasolino e in Monti in Chianti. Bottiglie che rappresentano, di fatto, il futuro di Podere il Palazzino, ovvero vini specchio fedele del terroir di appartenenza, capaci di sintetizzare alla perfezione l’essenza da cui nascono. Vini da non mancare.