Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Castello di Buttrio


Il Castello di Buttrio si trova nel cuore dei Colli Orientali del Friuli.
Su queste splendide colline la vite è sempre stata di casa.
Alessandra Felluga, vignaiola di quinta generazione, è stata subito al fianco del padre Marco, quando nel 1994 acquistò la proprietà di Buttrio. Dal 2007 è al timone dell’azienda con l’obiettivo di produrre vini d’eccellenza, sia bianchi che rossi, tutti fortemente territoriali e spesso da vitigni autoctoni.
I 26 ettari attualmente vitati comprendono un patrimonio di vigneti storici poco produttivi, ma con una qualità d’uva e con una concentrazione aromatica straordinarie. I suoli sono composti da un alternarsi di strati di marne di e sottili lamine di arenarie, localmente conosciuti con il termine di “ponca”. Un terreno estremamente vocato per la coltivazione della vite, che contribuisce a conferire ai vini quell’inconfondibile freschezza e mineralità. La coltivazione è guidata da una grande attenzione per i cicli naturali delle piante e per il loro equilibrio, nel massimo rispetto della natura, dell’ambiente, dell’ecosistema e dalle biodiversità.
Tra i filari ogni scelta agronomica è oculata e attenta, volta a far sì che vengano raccolte, di vendemmia in vendemmia, uve sane e schiette, ricche e concentrate in ogni più piccola sfumatura organolettica.
Dopo aver rigorosamente selezionato solo i frutti migliori, in cantina i grappoli vengono lavorati mantenendo separato ogni singolo appezzamento, e qualsiasi passaggio produttivo, nel segno della massima qualità possibile, è finalizzato a valorizzare ed esaltare nel vino tutto quanto il territorio e la stagione sono stati capaci di esprimere nelle uve.
Nasce in questa maniera una gamma di vini davvero eccellente, freschi e minerali se si parla dei bianchi, strutturati, intensi e profondi per quanto riguarda i rossi. Da “Mon Blanc” a “Ettaro”, si passa alla Ribolla Gialla, allo Chardonnay e al Friulano, per poi andare verso Sauvignon, “Messire” e “Torre Butria”, e infine proseguire con i rossi di “Mon Rouge”, Refosco, Merlot, “Uve Carate” e Pignolo, chiudendo con il Passito “Mille e Una Botte”: bottiglie da non mancare.