Untitled-1

Alla Costiera


L'azienda vitivinicola “Alla Costiera” si estende su un terreno di origine vulcanica che copre complessivamente una superficie totale di cinque ettari.
Il nome “Alla Costiera”, oltre a essere stato ispirato dal fatto che le viti sono esposte al sole, deriva dalla parola “costa”, che in gergo locale identifica il luogo dove è situata l’azienda. L’impresa agricola “Alla Costiera” è guidata da Filippo Gamba, che ha ereditato la passione per la produzione di vino tramandatagli dal padre Gerardo. Filippo ha da sempre sognato di poter arrivare a condurre la propria azienda usando solamente metodi e tecniche naturali, e oggi quel sogno è diventato una concreta realtà.
Già nel lontano 1998, infatti, Filippo iniziava a sperimentare nelle sue vigne, con amore e dedizione, il metodo dell’agricoltura biologica, per poi approdare, con il tempo e con l’esperienza, all’uso del metodo biodinamico.
Il principale obiettivo dell’agricoltura biodinamica è quello di attivare la vita nella terra, arricchendola di nutrimento. Una volta che la terra stessa ha assorbito il necessario, potrà poi cedere il nutrimento in surplus alle piante, favorendone così la crescita e lo sviluppo. Secondo l’agricoltura biodinamica, la terra e l’uomo sono parti integranti del cosmo, e quindi sensibili alle sue regole e alle sue influenze.
Il rispetto dell’ambiente e dell’ecosistema che Filippo Gamba persegue utilizzando metodi naturali, fa si che l’azienda “Alla Costiera” possa produrre vini dinamici, i quali di anno in anno si connotano con nuovi profumi e gusti tipici, ed esprimono al massimo tutte le caratteristiche del territorio da cui provengono.
Dal Serprino Frizzante al Cabernet Sauvignon dei Colli Euganei, si passa al Moscato Bianco “Agnese” e al Tai “Biancone”, senza dimenticare il “Vo’ Vecchio”, il “Gerardo” e il Prosecco Extra Dry: sono tutti vini, quelli che rimandano al nome “Alla Costiera”, che parlano la lingua della più pura eccellenza enologica.