Untitled-1

Burgundy

In Borgogna il vino è sinonimo di eleganza, territorialità e tradizione. La zona vinicola della Borgogna, in Francia, è un piccolo fazzoletto di terra stretto e lungo, che partendo da Digione si snoda da nord a sud, fino ad arrivare quasi a Lione; una terra leggendaria dal fascino senza tempo che corre lungo il percorso del fiume Saône. Qui in mezzo alle cinque sottozone che la caratterizzano (Chablis, Côte d’Or, Côte Chalonnaise, Mâconnais, Beaujolais) tra boschi e verdi colline, si sviluppa quello che in molti definiscono un “laboratorio a cielo aperto”, frutto del lavoro di piccoli produttori che continuano ad affinare un’arte millenaria tramandando una tradizione enologica che risale ai tempi dei Romani.
Insieme a quelli di Bordeaux i vini della Borgogna sono i più pregiati vini francesi.
Il clima fresco e ventilato si rivela particolarmente adatto ai due vitigni autoctoni e più rappresentativi della regione: Chardonnay e Pinot Nero, che raggiungono in questa zona la loro massima espressione e un livello qualitativo ancora senza pari.
I suoi vini bianchi da uve Chardonnay e rossi da Pinot Nero rendono la Borgogna famosa in tutto il mondo, oltre a essere considerati modelli per le altre zone della regione che producono vini a partire dalle stesse uve.
I vini di Borgogna seguono un proprio sistema di classificazione, che divide le denominazioni in quattro categorie: si parte dai vini base identificati da denominazioni “regionali” (Bourgogne Rouge, il Bourgogne Blanc) e si prosegue con le “appellations communal”, in cui il vino prende il nome dal paese in cui viene prodotto, la cosiddetta qualità “village”. Ma le più prestigiose sono le categorie che differenziano i vini in base al singolo vigneto: i “Premier Cru” (“primo vigneto”) dove il nome deriva dall'appezzamento in cui il vino si produce e i “Grand Cru” (“grandi vigneti”), la denominazione più ambita in assoluto che identifica i vini prodotti negli appezzamenti migliori di un determinato comune.
Attualmente sono 562 i vigneti incoronati con la menzione di “Premier Cru” e rappresentano l’11% della produzione totale della Borgogna.
Sono invece appena 33, ovvero il 2% della produzione, gli appezzamenti a cui è stata riservata la denominazione più alta, “Grand Cru”.

Ogni bottiglia ha una sua identità ben precisa: la zona di Chablis produce il più rinomato vino bianco della Borgogna, da qui arrivano solo bianchi prodotti da uve Chardonnay, vini affinati in vasche d’acciaio, caratterizzati da un’inconfondibile freschezza e da sentori minerali; imperdibili i Pinot Noir provenienti dalla Côte de Nuits, la culla dei grandi rossi a nord della Côte d’Or.
Non solo Pinot Nero e Chardonnay, in Borgogna si coltivano anche l’Aligoté, vitigno a bacca bianca usato nel Mâconnais per produrre vini dissetanti, leggeri e di largo consumo, e il Gamay, un’uva rossa da cui arrivano i celebri vini novelli del Beaujolais, sua patria d’elezione e zona con una produzione rivolta quasi esclusivamente ai vini rossi.
Orientarsi in un’area vinicola così variegata e complessa non è semplice, basti pensare che in Borgogna ci sono almeno 84 denominazioni, e a farla da padrone sono vigneti di piccole dimensioni spesso distanti tra loro e addirittura di denominazioni diverse, ma appartenenti a una sola azienda che vinifica le uve separatamente così che i vini prodotti possano esprimere al meglio le caratteristiche del singolo territorio.
Gli abbinamenti sono altrettanto ricchi e spesso estremi: per la sua innata versatilità il Pinot Nero di Borgogna si sposa alla perfezione con piatti a base di carne (anatra, cacciagione varia, pollo arrosto, taglieri di salumi), ma le annate più giovani non disdegnano portate a base di pese; mentre verdure, crostacei o e crudité di pesce si lasciano gustare con un buon calice di Chardonnay.
Nella nostra cantina online potrai trovare i migliori vini di Borgogna dai più famosi Grands Crus (Gevrey-Chambertin, Nuits-Saint-Georges, Vosne-Romanée o il preziosissimo Romanée-Conti, il vino rosso più caro del mondo) ai grandi bianchi Chablis e Chardonnay, fino ai classici Pinot Noir.

|