Untitled-1

Weingut Wimmer-Czerny


L'Austria si compone di quattro regioni vitivinicole, Bassa Austria, Burgenland, Steirland e Vienna, e 16 diverse aree di coltivazione. Il vino ha fatto parte della cultura di questo paese per migliaia di anni; nel Medioevo, per esempio, monasteri come Melk, Heiligenkreuz, Göttweig, Güssing nonché gli episcopati, come quello di Salisburgo, avevano il miglior primato nella produzione vinicola e, inoltre, a Klosterneuburg, nel 1860, venne fondata la prima scuola di enologia al mondo.
Oggi, poi, una giovane generazione creativa di viticoltori sta portando il vino austriaco ai vertici mondiali della qualità. Stando ad alcuni media di settore, alcuni dei migliori bianchi d'Austria sono da annoverarsi fra quelli di alto rango e anche i rossi, sebbene meno conosciuti, si sono rivelati autentiche sorprese in occasioni di presentazioni e fiere all'estero.
Tra le cantine di primissima qualità a cui si deve tale successo rientra sicuramente la Weingut Wimmer-Czerny, situata nella regione vitivinicola di Wagram. Quest'ultima, un tempo conosciuta con il nome di Donauland, si compone, complessivamente, di circa 2400 ettari di superficie vitata e, in tempi preistorici, era ricoperta dal mare; per questo, oggi, il sottosuolo è ricco di sedimenti minerali e fossili e la sua combinazione con il microclima, che dona notti fredde e giornate calde e soleggiate, costituisce il terroir ideale per la coltivazione del grüner veltliner. Quest'ultimo, non a caso quindi, è anche tra le varietà di punta della Weingut Wimmer-Czerny, che coltiva anche, esclusivamente con metodi biodinamici, roter veltliner, weißer burgunder, traminer, riesling e pinot nero.
Tra i vini dell'azienda meritano sicuramente una menzione il Grüner Veltliner Reserve Trocken Felser Berg e il Mitterweg Traminer Trio. Il primo, segnato da note di albicocche, arance, cenni erbacei e di vaniglia, è chiara riprova dell'abilità dei suoi produttori e della cura costante che essi riservano alla vigna e all'intero processo di vinificazione; il secondo, splendidamente corposo, rinfrancante e di ottima consistenza, è, invece, uno di quei vini che si dovrebbe avere sempre a disposizione in cantina.