Untitled-1

Podere Orto


Podere Orto deve la sua fondazione a Giuliano Salesi e Simona de Vecchis; i due, insieme dal 1997, avviano, nel 1999, una società specializzata in traduzioni e servizi linguistici che, in breve tempo, diventa punto di riferimento per piccole e grandi aziende, sia italiane che internazionali. Giuliano e Simona, volendosi dedicare interamente alla crescita della loro società, si stabiliscono, poi, per diversi anni a Roma e qui, Giuliano, da sempre appassionato di enologia, ha modo di dare spazio a tale interesse diventando un assiduo frequentatore del circolo TDC, dove tutt'ora si ha l'occasione di degustare eccellenti bottiglie. Passato qualche anno, però, nonostante tutto andasse a gonfie vele, Giuliano e Simona capiscono che il quotidiano, non solo lavorativo, non esprimeva, in definitiva, il loro più intimo desidero di felicità e così, senza pensarci troppo, abbandonano Roma e il loro stile di vita e si trasferiscono a Trevinano, un borgo in provincia di Viterbo, dove acquistano un vecchio casale in pietra degli inizi del XVIII secolo, con annesso terreno. Questo luogo incantevole dell’Alta Tuscia, si trasforma, ben presto, per i due, nel simbolo di una rinascita che, nel 2009, si compie, interamente e concretamente, con l'impianto del primo terreno e la nascita della figlia Maia. Oggi Podere Orto è diventato un vero e proprio agriturismo; qui, seguendo una "filosofia naturale", ovvero nutrendo il terreno non con preparati chimici ma solo ed esclusivamente con sovesci multifloreali e preparati biodinamici, Giuliano e Simona allevano uve a bacca bianca, come procanico, greco, grechetto, e verdello e varietà a bacca rossa, come sangiovese, greghetto rosso e ciliegiolo. In cantina, poi, così come accade in vigna, gli interventi sono ridotti al minimo; per tutti i vini la fermentazione avviene sempre senza l'ausilio di coadiuvanti, si usano soltanto lieviti indigeni, e l’imbottigliamento viene posto in essere senza filtrazione e con bassissimo uso di solforosa. In definitiva, Podere Orto è soprattutto una scelta di vita, un luogo ideale dove accogliere nuove sfide e condividere, con amici e avventori, un bicchiere di buon vino.