Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Dürnberg


L’Austria è una nazione europea dove, da sempre, la viticoltura ha affondato le proprie radici. Spesso trascurata dalla maggior parte dei consumatori e degli appassionati di vino, è invece una realtà che è in grado di regalare grandissime soddisfazioni al palato. La regione più importante per la produzione vitivinicola è quella identificabile con la Bassa Austria, in quel territorio che circonda la capitale Vienna. All’interno di questa porzione di terra, più precisamente verso l’estremità nord-est al confine con Repubblica Ceca e Slovenia, si trova la zona della DAC Weinviertel, la più estesa di tutto il paese. Qui il terroir è davvero eccezionale, e le uve, grazie anche al clima ottimale, caratterizzato da forti escursioni termiche durante la stagione estiva, raggiungono sempre il perfetto grado di maturazione e aromaticità. In questa splendida cornice, più precisamente nel piccolo villaggio di Falkenstein, famoso sin dal dodicesimo secolo per la coltivazione della vite, si trova Weingut Dürnberg, una delle aziende simbolo dello sviluppo a livello internazionale dei vini della Weinviertel. Nata dalla forte amicizia tra Matthias Marchesani, Georg Klein e Christoph Körner, l’azienda si sviluppa oggi su circa 54 ettari di terreno, con vigneti che hanno età superiori anche ai cinquant’anni. Ogni componente della triade ha compiti ben precisi, e mentre Matthias e Georg si occupano della parte relativa a marketing e vendite, Christoph, enologo rinomato che conosce la Weinviertel come le sue tasche, porta avanti i lavori in vigna e in cantina. La filosofia produttiva è tutta improntata alla cura meticolosa ed al rispetto per il suolo, lavorato solo ed esclusivamente con pratiche sostenibili. I vini sono bilanciati e freschi, complessi dal punto di vista dei profumi, e molto fini, rappresentando il punto di arrivo tra tradizione e sofisticata modernità. Delle circa 350.000 bottiglie prodotte ogni anno, grande importanza è data soprattutto all’uva più tradizionale di quest’area, il grüner veltliner, declinata con diversi stili.