Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Companhia Müller de bebidas


Nata sul finire degli anni ’50, nel 1959 per l’esattezza, la “Companhia Müller de bebidas” è stata fondata da Guilherme Müller Filho, brasiliano di origini tedesche, che nello stato di San Paolo, a Pirassununga, iniziò a commercializzare Cachaça, senza mai immaginarsi che un giorno la sua impresa sarebbe divenuta una delle aziende leader in Brasile e nel mondo nel settore di riferimento. Tutto è cominciato con la “Cachaça 51”, brand che è stato fondamentale per gli inizi dell’attività, che sin dal principio ha riscosso un inaspettato quanto enorme successo. Proprio, tra l’altro, per soddisfare l’enorme richiesta del mercato, lo stesso Guilherme modernizzò la propria azienda, istallando nel 1974 la linea di imbottigliamento più efficiente di tutto il Brasile. Non solo: in linea generale, investendo sulle strumentazioni tecnologiche e gestendo l’impresa in maniera avanguardistica e lungimirante, la “Companhia Müller de bebidas” è diventata in poco tempo una delle aziende più avanzate di tutti i tempi. Nel 1983, inoltre, venne dato il via a un piano finalizzato a ottimizzare il contatto con i clienti, per cui partendo da un’affiatata squadra di manager, venditori e promotori, sono state implementate le strutture organizzative in tutto il Brasile, nonché gli uffici commerciali, al fine di iniziare la scalata ai mercati di tutto il mondo. Al di fuori del Brasile, il primo stato in cui si è iniziato a vendere la “Cachaça 51” è stato il Giappone, e oggi i prodotti della “Companhia Müller de bebidas” sono distribuiti in oltre cinquanta differenti paesi. Ma non finisce qui: la “Companhia Müller de bebidas” guarda costantemente al futuro, e dopo aver lanciato la “Caipirinha Mix 51”, - tradizionale cocktail brasiliano, in questo caso preparato con una tecnica avanzata di congelamento e usando in modo innovativo il limone e lo zucchero - ha iniziato da poco a commercializzare “51 Ice”, bevanda giovane, fresca e analcolica, ottenuta miscelando la “Cachaça 51” con la frutta. Insomma, la storia non si è ancora conclusa.