Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Tornatore


La Sicilia è una regione italiana che può vantare una fra le tradizioni vitivinicole più antiche di tutta la penisola. Si ritiene infatti che la vite crescesse in maniera spontanea sull’isola addirittura già molto tempo prima della venuta dei greci, che, dopo il loro insediamento, furono tra i principali artefici della viticoltura vera e propria e dello sviluppo dell’enologia in terra siciliana.

Tra le antiche e solide aziende vitivinicole che si incontrano sul territorio, la cantina Tornatore si contraddistingue per le radici profonde, che affondano sin dal lontano 1865 all’interno del terroir etneo, e che si rivolgono al futuro con un’ottica di continuo rinnovamento. Nel 1910 Giuseppe Tornatore costruisce una casa in contrada Piano Fiera con 2 ettari di vigneto, a cui si aggiungono poi ulteriori 2 ettari in contrada Piano Felci, tutti esposti sul versante nord dell'Etna.
Si tratta di suoli di origine vulcanica, derivanti da un mix di masse laviche, ceneri e lapilli accumulatisi nel corso dei secoli, caratterizzati da un clima mite, che risente dell’influenza dei Monti Nebrodi e che garantisce un’ottima escursione termica fra il giorno e la notte, ideale per favorire l’ottima maturazione degli acini.
Nei vigneti, che si estendono per circa 46 ettari all’interno di alcune contrade molto rinomate come Pietrarizzo e Trimarchisa, si coltivano le uve a bacca bianca e rossa tipiche del territorio, cioè nerello mascalese, nerello cappuccio, carricante e cataratto.

Ogni anno l’azienda realizza sei etichette, suddivise fra Etna Rosso, Etna Bianco e Rosato, per un totale di circa 60.000 bottiglie all’anno che però Francesco vuole portare, nel giro di qualche anno, a 400.000. Un piano ambizioso, che pone al centro dello sviluppo prodotti che rappresentano la più alta espressione dei territori da cui provengono, viva e vivida raffigurazione di ciò che il vino siciliano è in grado di offrire nel bicchiere: provare per credere!