Untitled-1

Madrevite


Tra Umbria e Toscana, nelle colline che abbracciano il Lago Trasimeno e il Lago di Chiusi, a Vaiano nel comune di Castiglione del Lago, nasce Madrevite. Tre generazioni di produttori di vino che si tramandano l’immutato e profondo legame tra l’uomo e la natura. Anche il nome stesso della cantina trae ispirazione dall’omonimo antico arnese usato in cantina dai vignaioli umbri di un tempo per fissare l’usciolo alle botti colme di vino. Simboleggia il legame tra il passato e le tradizioni che, unite alle moderne pratiche agronomiche e di cantina, costituisce la vera essenza della nostra produzione vinicola. Madrevite viene fondata nel 2003, quando Nicola Chiucchiurlotto inizia a restaurare l'azienda di famiglia e decide di reimpiantare parte dei vecchi vigneti del nonno Zino, risalenti al 1978: prende così il via il Suo nuovo progetto. I protagonisti della nuova avventura di Nicola – intorno ai quali si snoda l’azienda e la sua produzione - sono il Gamay del Trasimeno, il Trebbiano Spoletino, il Grechetto, il Sangiovese ed il Syrah: veri interpreti di un patrimonio inestimabile fortemente identitario. La conformazione dell’area fa da volano termico creando un microclima molto particolare che garantisce le condizioni ottimali per lo sviluppo della viticoltura. Gli inverni sono miti, le estati calde e ventilate e le buone escursioni termiche tra il giorno e la notte assicurano freschezza e longevità al vino. Sotto la guida enologica di Emiliano Falsini, e potendo contare su una moderna cantina, completamente rinnovata e dotata di funzionali locali per la fermentazione, per la vinificazione, per l’invecchiamento e per l’affinamento, la produzione annua si attesta sulle 35mila bottiglie. Ad oggi l'azienda è composta da circa 60 ettari di terreno, di cui 11 ettari di vigneti, 5 di uliveti, piccole parti di bosco e il resto seminativo.