Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Iovine


La tenuta Iovine è una realtà storica, a conduzione familiare, nella penisola sorrentina: dal lontano 1890 quattro generazioni si dedicano a realizzare una selezione di prodotti che ben rappresenta l’identità dei vini campani. La storia inizia con il nonno Aniello, che cominciò come produttore di botti per poi passare al vino che vi era contenuto, e prosegue oggi con i suoi eredi che continuano a produrre vini all’insegna della tradizione, ma con un occhio alla modernità. Uno dei vini più gettonati è il Gragnano rosso frizzante Penisola Sorrentina DOC, tipico dell’area napoletana, spumeggiante biglietto da visita della produzione dell’azienda Iovine. Frizzante e stuzzicante, il Gragnano Sui Lieviti arricchisce la tipologia con la rifermentazione in bottiglia sui propri lieviti, antica usanza recentemente rivalutata perché permette di ridurre al minimo l’aggiunta di solfiti, ottenendo un prodotto di maggiore qualità, e aggiunge al profilo gusto olfattivo del vino una marcia in più. I vini ottenuti con questo metodo sono anche più longevi. Molto apprezzato anche l’Aglianico Beneventano, che conferma la sua natura di grande vino del Sud, grazie all’intensità dei profumi e al sapore vellutato. Nei dintorni di Pimonte, sede della tenuta, i terreni, vulcanici e ricchi di calcare, permettono in alcuni casi la coltivazione della vite a piede franco; le uve rosse aglianico, piedirosso, sciscinoso e le bianche falanghina, coda di volpe, caprettone e cacamosca, grazie alla varietà del terreno, garantiscono la riuscita di ottimi vini, ricchi di sentori diversi, che vanno dal floreale al minerale, perfetti per accompagnare la cucina tipica partenopea ma capaci anche di creare deliziosi abbinamenti con i piatti di ogni regione italiana. Gli interessanti vitigni autoctoni campani, alcuni considerati varietà minori fino a poco tempo fa, e la tradizionale vocazione della tenuta Iovine per i vini di questo territorio, conquisteranno gli appassionati e gli enofili più curiosi.