Untitled-1

Boffalora


Nata nel 2002, con poco più di 2 ettari di vigneti l’Azienda Agricola Boffalora è ubicata nel comune di Castione Andevenno in provincia di Sondrio, nella zona di produzione vitivinicola del Valtellina Superiore DOCG. Il nome “Boffalora” richiama il soffiare dei venti valtellinesi Breva e Tivano: di giorno, dal lago di Como, soffia la Breva, mentre di notte, in senso opposto spira il Tivano. Parte delle vigne coltivate dal titolare dell’azienda, Giuseppe Guglielmo, sono centenarie, impiantate a piede franco e allevate a ritocchino con filari perpendicolari alla valle, mentre un’altra parte dei vigneti ha i filari a girappoggio, paralleli alla valle. Nel corso degli anni sono state inoltre acquistati terreni nel Comune di Castione Andevenno e al limite della zona Sassella, dove i vigneti della cantina Boffalora sono collocati tra le rocce a circa 700 metri di altitudine sul livello del mare, tra ripidi terrazzamenti. La filosofia con cui l’azienda Boffalora gestisce i vigneti, fa sì che venga praticata una viticoltura non intensiva, siano limitati i trattamenti e i filari vengano lasciati inerbiti, disseccando il sottofila solamente una volta all’anno. Le vigne dell’azienda Boffalora coesistono con differenti habitat naturali e vari ecosistemi, come il bosco, che favorisce un equilibrato sviluppo dei processi vitali. La cantina, che è condivisa con Siro Buzzetti dell’azienda Terrazzi Alti - un altro produttore della zona - si sviluppa su due livelli: al piano superiore avviene la vinificazione, mentre il livello inferiore, totalmente interrato, è destinato all’affinamento del vino in legno. Tra i più rappresentativi vini di Boffalora spiccano il Valtellina Superiore DOCG “Pietrisco” e il “Runco de Onego”, entrambi a base di uve nebbiolo in purezza. Il “Pietrisco” è frutto della prima vinificazione aziendale nel 2009 ed è un vino che fermenta spontaneamente con lieviti autoctoni e matura in legno, mentre lo Sforzato di Valtellina DOCG “Runco de Onego” è prodotto in pochissime bottiglie ed è ottenuto da uve appassite.