Untitled-1

Villa Pinciana


"Villa Pinciana ha sede a Capalbio, provincia di Grosseto, in quella magica parte della Toscana che risponde al nome di Maremma dove la tenuta Villa Pinciana ha 9 ettari di vigna posti a 100 metri sul livello del mare in terreno prevalentemente argilloso e sabbioso oltre ad essere caratterizzato da importanti pendenze, il tutto a fronte di 54 ettari totali della tenuta che conta anche degli oliveti.
D’altronde la Maremma sta scoprendo una nuova vocazione vitivinicola grazie ai venti freschi estivi provenienti dal mare che mitigano il calore dell’estate, il terreno argilloso e l’esposizione di questo territorio che lo sta rendendo uno degli emergenti caposaldi della produzione di vino di questa parte d’Italia.
L’azienda vinicola Villa Pinciana nasce da Ilaria Pietromarchi che si divide tra la Maremma, con i suoi boschi di lecci, le sue macchie di mirto e le sue pinete e Roma, dove si laurea in statistica e poi Stati Uniti dove si specializza in economia per finire infine a Londra.
Ma dopo il matrimonio con Massimo Tosato nasce il progetto di Villa Pinciana che, in luoghi vocati, si dedica alla produzione di vini di qualità.
La cantina Villa Pinciana viene guidata a livello enologico sin dall’inizio dall’enologo Paolo Caciorgna coadiuvato dall’agronomo Edoardo Pastorelli.
I nove ettari di terreno vitato sono suddivisi tra varietà autoctone più o meno diffuse come sangiovese, vermentino e pugnitello oltre che da varietà francesi quali cabernet sauvignon, cabernet franc, petit verdot, syrah e quel viognier su cui Villa Pinciana crede così fermamente.
La cantina è stata realizzata recentemente con speciale attenzione per la barriccaia e le sale di affinamento dei vini che sono interrate nella collina al fine di mantenere temperature ed umidità ottimali all’evoluzione del vino.
L’obiettivo è di continuare a perseguire gli obiettivi e superarsi sempre a livello qualitativo che già viene riconosciuto anche all’estero con i prestigiosi awards di Decanter.
"