Untitled-1

Tenuta Spinelli


Una profonda passione, poi lo spirito imprenditoriale di un ragazzo amante della natura e della genuinità, e infine la ferma volontà di valorizzare le eccellenze locali: questi gli ingredienti, semplici ed essenziali, da cui nel 2009 ha preso le mosse il progetto di “Tenuta Spinelli”, azienda vitivinicola che ha sede nell’entroterra Piceno, fondata e gestita da Simone Spinelli. A 550 metri sul livello del mare, a Castignano ed esattamente in località Montemisio, si trovano i sette ettari vitati dell’azienda, tra i cui filari a regnare è principalmente la varietà autoctona del pecorino, alla quale si affianca quella altrettanto autoctona della passerina, cui infine si aggiungono alcune viti di pinot nero, impiantate per effettuare ricerche e sperimentazioni. Scelte ben precise quindi, quelle di Simone Spinelli, che ha deciso di puntare tutto sulla qualità piuttosto che sulla quantità. Partendo dalla vigna, a ogni pianta sono dedicate le massime cure e le massime attenzioni, e su suoli rossi, sassosi e freschi, letteralmente strappati alle alture, le viti arrivano a produrre grappoli eccellenti, ricchi e concentrati. Uve che in cantina sono trasformate in vini che, negli ultimi anni, hanno ottenuto importanti riconoscimenti dalla critica del settore, rientrando a diritto nell’elenco di quelli che sono i migliori vini delle Marche. E allora partiamo dall’“Artemisia”, Pecorino di Offida, per poi passare al “Mèroe”, Spumante Metodo Classico sempre a base pecorino che riposa due anni sui lieviti, per finire con l’“Eden”, Passerina a Indicazione Geografica Tipica: tre etichette al momento, per una produzione che si attesta sulle 30mila bottiglie annue, e che soprattutto è fatta di vini accattivanti ed estremamente appaganti. Vini, quelli che nascono dalla mano e dalla mente di Simone Spinelli, specchio fedele del territorio da cui provengono, altamente aderenti al varietale di cui sono figli, ed espressione di quella che è la migliore enologia marchigiana.