Untitled-1

Tenuta di Gracciano della Seta


Tra le più antiche realtà vitivinicole di tutto il territorio di Montepulciano, con una storia i cui inizi risalgono ai primi decenni del XIX secolo, è la “Tenuta di Gracciano della Seta” un’azienda che si estende su una superficie di circa settanta ettari, di cui attualmente circa venti impiantati a vigneto. Originariamente di proprietà della famiglia Svetoni, la cantina appartiene ora e Giorgio della Seta, che dopo aver svolto per molto tempo il ruolo di manager per una multinazionale, dal 2013 ha iniziato a dedicarsi totalmente all’azienda di famiglia, per cui sono stati rinnovarti i vigneti, e accanto alla storica cantina - oggi destinata a ospitare le botti per l’invecchiamento in legno - sono stati realizzati nuovi e funzionali locali di vinificazione. Tra i filari, con piante che superano anche i cinquanta anni d’età, le attenzioni sono volte a ottenere la totale conversione biologica, cosicché le viti conoscono solo rame e zolfo, i sottofila sono puliti meccanicamente, e tutte le operazioni vengono svolte nel massimo rispetto di ambiente ed ecosistema. Su terreni prevalentemente limosi e argillosi, e godendo di esposizioni particolarmente favorevoli, in vigna regna incontrastato il sangiovese, che a Montepulciano è chiamato “prugnolo gentile”, a evidenziarne orgogliosamente il biotipo. In cantina, la filosofia è impostata verso una continua e costante ricerca di uno stile elegante e tradizionale, perciò accanto alle botti grandi trovano spazio, seppur in numero ridotto, tonneau di rovere da cinque ettolitri. La somma di tutto quanto porta a risultati ormai da anni consolidati: dal Rosso di Montepulciano al Vino Nobile di Montepulciano - interpretato anche nella versione “Riserva” - fino ad arrivare al Rosato, sono tutti vini, quelli prodotti dalla Tenuta di Gracciano della Seta, che rispecchiano la migliore Toscana enologica. Etichette, nel caso dei Rossi, tutte piacevoli da bere anche da giovani, ma allo stesso tempo in grado di acquistare eleganza e raffinatezza con l’affinamento in bottiglia.