Untitled-1

Scuola Mocajo


Scuola Mocajo nasce nel 1942; adagiata su morbide colline toscane, a ridosso della costa degli etruschi e intitolata a Riccardo Perucchetti, fu fondata con lo scopo di accudire i figli dei mezzadri che lavoravano nella Tenuta: abbandonata a sé stessa per molti anni, oggi, grazie a un progetto di profondo restauro avviato nel 2014, ha ripreso vita ed è pronta a scrivere una nuova storia. Il progetto è stato avviato con l’obiettivo di produrre un ottimo vino biologico toscano, partendo da una selezione di tre vitigni a bacca bianca: vermentino, viognier e petit manseng. Produrre vino bianco in una zona nota soprattutto per quello rosso potrebbe sembrare una scelta contro corrente, ma, in realtà, tale decisione è frutto di un’attenta valutazione legata alle specifiche del terreno e del clima della zona, con la precisa volontà di proseguire l’eredità lasciata degli etruschi prima, e dai romani poi. I vitigni si estendono, oggi, lungo la vecchia Scuola della Tenuta; infatti, mentre le piccole barbatelle crescevano, ci si è dedicati alla ristrutturazione della Scuola, ridonandole il suo antico splendore e mantenendo gli elementi storici dell’edificio, quali la struttura originaria, la vecchia scala di pietra che portava gli alunni in classe, le finestre e l’albero che vi sorge accanto. Aperti all’innovazione, ai fini della produzione biologica, si utilizzano criteri di massima selettività, senza dimenticare di sperimentare nuovi trend nel mondo della vinificazione. Inoltre, periodicamente, si effettuano esami chimico-fisici dell’uva al fine di determinare il momento migliore per la vendemmia; solo quando le condizioni risultano ottimali, si procede, come un tempo, alla raccolta manuale dell’uva, al fine di selezionare i migliori grappoli per la produzione del vino. Attualmente, presso la Tenuta della Scuola Mocajo, prendono vita quattro diversi vini, "Sette", "Soffio", "Saputo" e "Stello": tante S, ognuna con un significato diverso, che racchiudono tutte il Sapere, la Sincerità, il Sacrificio, la Spensieratezza, insite nel progetto natio.