Untitled-1

Il Paluffo


"A Certaldo, “Il Paluffo” è uno degli edifici più storici, citato in documenti ufficiali già a partire dal 1427, in grado di “raccontare” oggi tutte le vicissitudini che nel tempo ha affrontato, parlando attraverso le sue salde mura, fatte con pietre, ciottoli di fiume e mattoni, e recentemente consolidate con la biocalce.
Una storia centenaria, che ha visto “Il Paluffo” passare di mano in mano, appartenendo di volta in volta a potenti famiglie nobiliari fiorentine o usato come rifugio dai soldati durante la guerra.
Oggi, nel segno della massima sostenibilità ambientale, “Il Paluffo” è anche un’azienda agricola e vitivinicola che pone grandissima attenzione alla natura, alla biodiversità e all’ecosistema, facendo ricorso alle più sofisticate tecnologie, usate per raggiungere un impatto pressoché zero.
In vigna, ogni scelta agronomica vuole mantenere quello che è l’equilibrio di ogni singola pianta in rapporto all’ambiente circostante, per cui quelle che si arrivano a vendemmiare sono puntualmente uve sane e schiette, pregiate, ricche e concentrate in ogni loro più piccola sfumatura organolettica.
In cantina, la filosofia seguita non è molto distante da quella applicata tra i filari, e nel segno della massima qualità possibile, a dettare il passo è sempre la materia prima, che viene puntualmente interpretata e valorizzata cercando sempre di esaltare tutto quanto la stagione e il territorio hanno saputo esprimere nel frutto.
È così che è ottenuto il vino “naturale” de “Il Paluffo”, ovvero un vino che prende vita da un orientamento biologico e biodinamico nel vigneto, che poi in cantina si traduce in un divieto assoluto di prodotti chimici, con l’uso della tecnologia anch’esso limitato al minimo indispensabile.
Vini naturali, quelli de “Il Paluffo”, magari inizialmente difficili da apprezzare, ma poi in grado di regalare una complessità aromatica e sensoriale difficile da eguagliare. Vini che una volta che si saranno degustati, non si vorranno mai più lasciare.
"