Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Château Thieuley


La storia moderna di Château Thieuley inizia nel 1950, quando la tenuta venne acquistata da Andre Courselle. Un paio di decenni più tardi, esattamente nel 1972, sarà il figlio dello stesso Andre, Francis Courselle, a prendere in mano le redini dello château, che successivamente verrà preso in gestione dalle figlie di Andre, Sylvie e Marie, tutt’oggi responsabili dell’azienda. Radicalmente cambiata rispetto al 1950, la realtà vitivinicola di Château Thieuley è passata in poco più di mezzo secolo dai sei ettari vitati originari agli odierni 83 ettari vitati complessivi.
Tra i filari, allevate nel massimo rispetto dell’ambiente, della natura e dell’ecosistema, le varietà che si incontrano sono quelle tipiche del territorio bordolese, per cui abbiamo una ripartizione percentuale che vede prevalere il merlot con il 70%, seguito dal 14% di cabernet sauvignon, dal 14% di cabernet franc e dal 2% di petit verdot. Tra le varietà a bacca bianca, invece, troviamo il 50% di sémillon, il 35% di sauvignon blanc e il 15% di sauvignon gris. Su terreni costituiti prevalentemente da argilla, calcare e ghiaia, la densità di ceppi per ettaro varia dalle 5.500 alle 6mila piante, e la gestione delle vigne risponde alla certificazione biologica.
Partendo da una materia prima impeccabile in ogni più piccola sfumatura, in cantina la produzione è monitorata costantemente e in maniera maniacale. I vini bianchi sono tutti vinificati in acciaio, per poi essere invecchiati in parte in acciaio e in parte in barrique sui propri lieviti. Per i rossi invece, mentre la vinificazione e anche la fermentazione malolattica avvengono sempre in acciaio, l’invecchiamento è previsto esclusivamente in botti di rovere francese nuove al 50%.
Prendono vita in questa maniera etichette dal fascino assoluto, capaci di conquistare sin dal primo sorso e in grado di invogliare insistentemente al secondo calice e oltre. Vini, quelli di Château Thieuley, che meglio di qualsiasi altro riescono a raccontare a meraviglia tutta l’essenza enologica di Bordeaux e del suo territorio.