Untitled-1

Château LaTour-Martillac


Château Latour-Martillac si trova nella regione francese di Bordeaux, e deve il suo nome alla torre risalente al XII secolo che adorna il cortile della tenuta.
Appartenente al territorio della AOC di Pessac-Léognan, la tenuta è di proprietà della famiglia Kressmann dalla fine del XIX secolo, e i suoi vini sono famosi per rientrare tra le forniture ufficiali di Buckingham Palace dal 1936.
Durante i primi anni ’40 del secolo scorso, il parco vitato è stato ampliato, con una conseguente modifica dell’impostazione varietale, originariamente pensata principalmente per la produzione di vini bianchi, e in seguito al rinnovamento impostata invece per ottenere tendenzialmente vini rossi da taglio bordolese. Attualmente l’azienda è amministrata da Tristan e Loïc Kressmann, e dai circa 45 ettari vitati ottiene vini di alto livello, immancabilmente riconoscibili grazie alla rinomata etichetta barrata oro e sabbia. In vigna la ripartizione delle varietà vede dominare il cabernet sauvignon con il 60%, seguito dal 35% di merlot e dal rimanente 5% destinato a petit verdot. Ulteriori dieci ettari sono dedicati alle uve a bacca bianca, con piante di sémillon, sauvignon blanc e muscadelle.
Tra i filari ogni scelta agronomica è oculata e attenta, adottata nel segno di quello che è il massimo rispetto di ambiente, natura, ecosistema e biodiversità, così da arrivare a raccogliere grappoli sani e schietti, ricchi e concentrati in ogni più piccola sfumatura organolettica.
Dopo la vendemmia, rigorosamente manuale, la vinificazione avviene nella storica cantina che è stata interamente rinnovata nel 1989. I rossi vengono lasciati maturare dai 15 ai 18 mesi, mentre i bianchi riposano almeno per un anno dimostrandosi in degustazione, in entrambi i casi eleganti, armonici ed equilibrati.
Nascono così etichette di assoluto livello, capaci di regalare emozioni senza mezzi termini, soprattutto se pazientemente aspettate. Vini che raccontano la migliore eccellenza delle terre di Bordeaux se si parla di enologia.