Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Château Bellevue Mondotte


"Château Bellevue Mondotte è una piccolissima tenuta situata all’interno dell’AOC di Saint-Émilion, uno dei comuni più importanti di tutta la regione vitivinicola che si concentra intorno alla città di Bordeaux. Nel 2001 la proprietà dello Château è stata acquistata da Gerard Perse, famoso per essere già alla guida di diverse altre aziende vinicole della zona, tra le quali spiccano Château Pavie e Château Monbousquet.
I vigneti di Château Bellevue Mondotte si sviluppano per poco più di due ettari, all’interno del Grand Cru Classé di Saint-Émilion, e sono esposti verso sud. Il terroir è composto da un mix di calcare e argilla, suddiviso in tre parcelle. Tra i filari si coltivano i tipici vitigni a bacca rossa di questa zona, con prevalenza di merlot – coltivato per il 90% dell’estensione totale –, a cui si affiancano cabernet sauvignon e cabernet franc. Le rese sono tenute incredibilmente basse, e non è raro imbattersi in annate in cui la produzione si attesta intorno ai 15 ettolitri per ettaro!
In cantina le fermentazioni avvengono spontaneamente, e sono svolte in tini di legno a temperatura controllata. Le macerazioni hanno una durata molto lunga, e possono protrarsi sino a sette settimane; la fermentazione malolattica si svolge sempre in barrique di rovere. Procedendo poi lungo il percorso produttivo, gli affinamenti, parte fondamentale dell’intero processo, si svolgono in barrique di rovere francese nuove al 100%, e durano per due anni.
Château Bellevue Mondotte si caratterizza per una produzione annuale davvero di nicchia, che normalmente si aggira intorno alle 2.000 bottiglie a vendemmia, interamente dedicate al Saint-Émilion Grand Cru Classé. Un’etichetta che rappresenta con grande fedeltà questa parte di Francia, ideale per essere protagonista nelle occasioni più disparate, e apprezzata, non solo da tutti gli appassionati di grandi rossi, ma anche dai principali critici internazionali, in primis dal leggendario Robert Parker.
"