Untitled-1

Château Bel Air Gloria


Nella parte occidentale dell’areale di Bordeaux si incontra la zona vitivinicola del Médoc, divisa in due settori principali, che rispondono ai nomi di Bas-Médoc - situato nella parte settentrionale della regione - e Haut-Médoc, che si trova invece nella parte a sud e che occupa una superficie maggiore. Anche se l’area del Médoc è legata al mondo vino già dall'epoca delle conquiste degli antichi romani, sono allo stesso abbastanza incerte le origini della produzione vitivinicola in questa regione, anche se di contro quello che oggi è certo è che tra Bas-Médoc e Haut-Médoc, è quest’ultima la zona più prestigiosa dal punto di vista enologico, tanto più che è innegabile che provengono da qui le etichette più interessanti nonché quelle più pregiate. Appartenente proprio al distretto dell’Haut-Médoc è la tenuta di Château Bel Air Gloria, i cui primi riferimenti risalgono addirittura al XV secolo. Le antiche origini di questa proprietà vitivinicola possono essere fatte coincidere proprio con l’inizio della storia dei vini del Médoc. Inglobata inizialmente a un’azienda più vasta e costituita da un corpo unico, dopo diversi anni di dispute, questo “cru” è stato frazionato. Nel 1980, per la precisione, Henri Martin divenne il proprietario della tenuta di Château Bel Air Gloria. Il vigneto, che si trova di fronte al fiume Gironde, è caratterizzato da terreni particolarmente fertili, che arrivano a regalare ai frutti un carattere generoso, intenso e profondo, tanto nelle componenti gustative quanto nelle sfumature cromatiche. Tra i filari, nel massimo rispetto di ambiente, natura, ecosistema e biodiversità, sono allevate le tipiche uve del taglio bordolese, per cui incontriamo grappoli di cabernet sauvignon, cabernet franc e merlot. In cantina, la fermentazione avviene in vasche di acciaio a temperatura controllata, mentre l’invecchiamento è svolto per almeno un anno in barrique nuove per il 25%. È così che nascono i vini di Château Bel Air Gloria: bottiglie che contribuiscono a tenere alto il livello qualitativo enologico dell’intero territorio dell’Haut-Médoc.