Untitled-1

Ancarani


L'azienda agricola Ancarani, condotta dall'omonima famiglia, oltre a coltivare il grano "Cappelli" - ricavandone paste integrali ad alta digeribilità - alleva vigneti sulle colline faentine, in prossima della rocca di Oriolo, sito storico fortificato tra i più antichi d'Italia. Il nonno di Claudio Ancarani, attuale proprietario dell'azienda, comprò, nel 1934, le terre su cui la stessa oggi sorge, trasmettendo alle generazioni future, quindi anche a Claudio, la responsabilità di proteggerla e di raccontarla con i prodotti che da essa prendono vita. In un totale rispetto per le varietà autoctone conservate nelle antiche vigne di famiglia, in parte rinnovate negli impianti di nuova concezione, l'azienda produce vini a partire dalle varietà sangiovese, albana, centesimino e famoso. Claudio Ancarani, vignaiolo appassionato, dà vita a prodotti che si rivelano, fin dal primo incontro, naturali espressioni del territorio natio; i grappoli vengono diradati e selezionati per assicurare una maggiore ricchezza di profumi e un'alta salubrità, i solfiti sono ridotti al minimo e, in un'ottica che mira a tutelare biodiversità e sostenibilità, la conduzione è biologica. La produzione, che si attesta al momento sulle 40 mila bottiglie, vanta vini schietti e genuini, tipici e con un taglio fortemente artigianale; tra questi troviamo, per esempio, il Ravenna Centesimino IGT, il Ravenna Famoso IGT "Signore" e il Romagna Sangiovese Superiore DOC "Biagio Antico". Il centesimino è un vitigno autoctono, recentemente riscoperto, coltivato e sapientemente trasformato, nella zona di Faenza, in ottimo vino da un ristrettissimo nucleo di produttori; nello specifico, gli Ancarani ne ricavano un vino elegante, vivace, intenso e ben articolato, che vuole essere chiara ricchezza per tutto il territorio natio e, anche, occasione per il rilancio vitivinicolo dell’intera area romagnola. Il Ravenna IGT "Signore", invece, nasce da uve in purezza della varietà famoso, vitigno che, dopo anni di abbandono, sta finalmente tornando a far parte dell'interessante offerta enologica dell'Emilia Romagna, regalando un bianco dal corpo lineare ed elegante, croccante e senza esitazioni al sorso.