Untitled-1

Che tipo di vino è il Barbera?

Di Redazione


Il Barbera (al maschile quando si parla della varietà, talvolta al femminile se si parla del vino, ma entrambe le forme sono corrette) è un vitigno a bacca rossa che rappresenta una delle varietà più importanti e coltivate del panorama vitivinicolo italiano, particolarmente radicato nelle regioni del Piemonte, dove raggiunge le sue espressioni più elevate, ma anche in Lombardia e in Emilia-Romagna.

In Piemonte, il Barbera è il protagonista di denominazioni prestigiose come Barbera d'Asti e Barbera d'Alba. Questi vini si distinguono per la loro vivace acidità, i profumi intensi di frutta rossa, e in molti casi, una struttura capace di sostenere l'invecchiamento. La Barbera d'Asti, in particolare, può essere trovata in versioni che variano dal fresco e fruttato Barbera d'Asti DOCG, al più strutturato e complesso Nizza DOCG, un sottozona di recente istituzione dedicata esclusivamente a vini prodotti con uve Barbera di alta qualità.

Quanti tipi di Barbera ci sono?

La Barbera, come vitigno, è unica, ma gli stili di vino che ne derivano possono essere molteplici, a seconda delle zone di produzione, delle tecniche di vinificazione e di invecchiamento. In Italia, le tipologie più conosciute e storicamente rilevanti di Barbera sono principalmente due: la Barbera d'Asti e la Barbera d'Alba.

Barbera d'Asti: questa denominazione è situata nella regione del Piemonte, principalmente nelle province di Asti e Alessandria. Il Barbera d'Asti DOCG è noto per la sua acidità vivace, i suoi profumi di ciliegia e prugna e, a seconda dello stile, per una struttura che può andare da media a notevolmente robusta.

Alcuni produttori scelgono di affinare il Barbera d'Asti in botti di legno per conferirgli maggior complessità e morbidezza, mentre negli ultimi anni sempre più produttori, soprattutto della scuola naturale, preferiscono far fermentare e affinare il vino unicamente in acciao. All'interno della denominazione Barbera d'Asti, troviamo anche il Nizza DOCG, che rappresenta la punta di diamante in termini di qualità e potenzialità di invecchiamento.

Barbera d'Alba: Questo vino è prodotto nella zona di Alba, nel cuore delle Langhe, e tende ad avere una struttura un po' più piena rispetto al Barbera d'Asti, con una ricchezza e una concentrazione di frutto che si sposa bene con l'affinamento in legno. La Barbera d'Alba può offrire una gamma di stili, da vini più freschi e fruttati a vini più strutturati e complessi.

Oltre a queste due principali denominazioni, la Barbera è presente anche in altre zone del Piemonte, come nel Monferrato e nell'Alto Piemonte, e in altre regioni italiane, dove viene vinificata sia in purezza che in blend con altri vitigni locali.


raccolta uva barbera

Con cosa abbinare la Barbera?

L'acidità vivace e i ricchi sapori fruttati del Barbera lo rendono un vino versatile a tavola, capace di accompagnare una vasta gamma di piatti. La scelta dell'abbinamento dipende dallo stile del Barbera in questione, che può variare da leggero e fruttato a ricco e complesso.

Ecco alcune proposte che noi riteniamo possano esaltare le qualità di questo vitigno:

Piatti a base di carne: il Barbera si sposa splendidamente con piatti di carne rossa, come brasati, stufati e arrosti, dove la sua acidità può bilanciare la ricchezza del piatto. Un Barbera d'Alba di buona struttura, ad esempio, è ideale con un brasato al Barolo o con un filetto di manzo.

Piatti a base di funghi e tartufi: la complessità dei funghi e dei tartufi possono essere esaltate da un Barbera, soprattutto se invecchiato in legno per qualche anno, aggiungendo note speziate e di sottobosco al vino.

Cucina piemontese: trattandosi di un vino piemontese, il Barbera si abbina naturalmente ai piatti tradizionali della regione, come gli agnolotti del plin, il vitello tonnato, e la bagna càuda.

Formaggi: un Barbera giovane e fruttato può essere abbinato a formaggi freschi e semi-stagionati, mentre versioni più mature e complesse si armonizzano con formaggi di maggior carattere, come quelli erborinati o stagionati.

Piatti vegetariani: piatti a base di melanzane, peperoni, zucchine e altre verdure grigliate o in umido possono beneficiare dell'acidità e della freschezza di un Barbera.

Pizza e piatti a base di pomodoro: l'acidità del Barbera e la sua capacità di tagliare attraverso la ricchezza di piatti a base di pomodoro lo rendono un compagno ideale per una classica pizza margherita o per un piatto di pasta al ragù.