Untitled-1

Réva


“Tradizione” e “Innovazione”: sono queste le due parole chiave attorno alle quali ruota tutto. Due concetti importanti, che hanno rappresentato le basi di partenza e la filosofia su cui è stata fondata la realtà vitivinicola “Réva”, azienda nata nel 2013, situata nel cuore delle Langhe e del Barolo, esattamente a Monforte d’Alba, nella tenuta di San Sebastiano.
Un luogo che è diventato un progetto ma allo stesso tempo anche un progetto che si è trasformato in un luogo: “Réva” è questo, un Wine Resort, una cantina-ristorante, che si racconta in quello che è un palcoscenico appartenente al Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Ma “Réva”, poi, è anche un progetto che guarda alla sostenibilità, al rispetto integrale dell’ambiente, della natura, della biodiversità e dell’ecosistema: “Réva” è il limitare dell’impatto umano, “Réva” è armonizzare l’interazione, per una consapevolezza secondo cui il territorio non va sfruttato ma va valorizzato e tutelato dal futuro.
Ecco allora che si parte da circa 7,5 ettari vitati, dove trovano dimora piante di nebbiolo, di barbera, di dolcetto e di sauvignon: filari gestiti secondo le norme dell’agricoltura biologica, che sfruttando alcuni dei più prestigiosi cru di zona - come Ravera a Novello, Lazzarito a Serralunga e Cannubi a Barolo - arrivano a regalare grappoli qualitativamente eccellenti.
Poi il lavoro di cantina, che segue un atteggiamento volto a rispettare le tradizioni ma allo stesso tempo finalizzato alla creazione di uno stile personale, lontano dalle mode e dalle tendenze commerciali del momento, ma libero e nuovo, capace di comunicare il proprio carattere e di raccontare con la massima espressività l’essenza del territorio.
Da ultimo, i vini, con una gamma aperta dal Barolo e dal Barolo Ravera, proseguita dal “Grey” Bianco delle Langhe, dalla Barbera d’Alba Superiore, dal Nebbiolo d’Alba e dal Dolcetto d’Alba: etichette che usano la lingua del più bel Piemonte se si parla di vino.