Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Olek Bondonio - Cascina La Berchialla


Dai primi decenni dell’ottocento “La Berchialla” è la tenuta di campagna della famiglia albese Bondonio.
La posizione adagiata sul bricco soleggiato e il suo microclima particolarmente temperato dalla vicinanza al fiume, ne fanno una terra ideale da vigne, dove da sempre si producono ottime uve.
Nel corso delle generazioni la tenuta si è progressivamente ingrandita per poi essere frazionata seguendo le dinamiche famigliari, i matrimoni e le divisioni ereditarie.
Olek, dopo numerose esperienze all’estero e in Piemonte, e soprattutto dopo aver portato a termine gli studi in agraria e in enologia, ha deciso di intraprendere la sua strada, vinificando ciò che produceva dalla sua parte dei vigneti.
Apre la sua azienda nel 2005, e da allora segue direttamente ogni minima lavorazione sia in vigna che in cantina, mantenendo costante la filosofia di un approccio non invasivo, favorendo le lavorazioni tradizionali ed escludendo tutti gli eccessivi stravolgimenti dei prodotti.
Tutto comincia dal lavoro tra i filari, dove è massimo il rispetto per la natura, per l’ambiente, per l’ecosistema e per la biodiversità, e dove le rese sono mantenute basse per prediligere la qualità alla quantità, e dove sono anche assolutamente banditi pesticidi e diserbanti chimici.
In cantina, la filosofia perseguita non è molto diversa da quella adottata in vigna, e a dettare legge sono le regole delle più antiche e radicate tradizioni contadine. Le fermentazioni avvengono a opera dei soli lieviti indigeni, i dosaggi di solforosa sono ridotti al minimo indispensabile, e i vini non vengono mai filtrati prima dell’imbottigliamento.
Il risultato è dato da etichette che, come poche altre, rappresentano lo specchio fedele del frutto da cui nascono e delle terre di cui sono figlie, rivelandosi allo stesso tempo precise e rotonde, senza sbavature e sempre puntuali, a volte sanguigne e a volte austere.
Dal Barbaresco Roncagliette al Nebbiolo delle Langhe, dal Dolcetto alla Barbera d’Alba, fino ad arrivare al Rosso “Giulietta”, vini che si lasceranno apprezzare in tutto e per tutto.